A partire da lunedì scorso i ricevitori
GPS di tutto il mondo sono dieci volte più precisi, dopo che Bill Clinton,
presidente degli Stati Uniti, ha deciso che il Pentagono smetta di disturbare
il segnale messo a disposizione dell’utenza civile.

Nel 1980, quando il Dipartimento della Difesa americano
decise di lanciare il servizio GPS (global positioning system), scelse di farlo
fornendo due livelli di segnale. Uno, con una precisione che variava dai 10
ai 20 metri, riservato i militari, l’altro con una precisione di 100 metri a
disposizione degli utenti civili. Con questa mossa si voleva impedire che la
tecnologia GPS potesse essere utilizzata per attaccare bersagli militari statunitensi
in caso di guerra.

Grazie alla decisione di Bill Clinton, il mercato
dei servizi di localizzazione basati sul GPS dovrebbe raddoppiare nel giro di
un paio di anni. I sistemi di navigazione satellitare installati a bordo delle
autovetture, quelli utilizzati dagli escursionisti e i servizi di localizzazione
cellulare d’ora in poi saranno più precisi e forniranno agli utilizzatori
informazioni più attendibili.

Secondo Clinton, fornire un servizio più
accurato all’utenza civile non avrà alcuna ripercussione sulla sicurezza
nazionale. Il Pentagono ha comunque la possibilità di sospendere in qualunque
istante l’invio del segnale GPS in modo selettivo, solo nelle zone dove la sicurezza
è minacciata.