Recentemente, il portale di 9to5Mac ha riferito che Counterpoint Research ritiene che il debutto di iPhone 12 avvenuto ad ottobre dello scorso anno possa essere stata una mossa vantaggiosa per Apple per ben due motivi. Sì, nonostante la crisi che ha caratterizzato il 2020 a causa dell’attuale pandemia in corso, le vendite dei nuovi melafonini hanno ottenuto guadagni stellari. Ma andiamo con ordine.

iPhone 12, la serie della svolta

Counterpoint ha affermato che nel 2020 le vendite di smartphone in Europa sono diminuite del 14% rispetto all’anno precedente. Apple non ha fatto eccezione, con un valore in calo del 4% rispetto ai livelli del 2019. Si legge:

Il 2020 è stato un anno da montagne russe per il mercato europeo degli smartphone. La pandemia COVID-19 ha colpito duramente la regione, provocando problemi sia dal lato dell’offerta che della domanda. Nel frattempo, le preoccupazioni economiche e le preoccupazioni per l’occupazione hanno portato i consumatori a risparmiare piuttosto che a spendere, e i blocchi diffusi hanno fatto sì che molti consumatori non fossero in grado o non volessero visitare i negozi al dettaglio e acquistare nuovi dispositivi.

A questo proposito, il direttore associato di Counterpoint Research, Jan Stryjak, ha dichiarato:

Aprile è stato il mese peggiore dell’anno, con vendite in calo di quasi il 50% rispetto al 2019. Il calo dei casi e l’allentamento delle restrizioni hanno portato a una ripresa durante l’estate, ma il virus è tornato con una vendetta. I casi di COVID-19 sono aumentati a settembre portando a nuovi blocchi in tutta Europa da novembre. La fine dell’anno, quindi, ha visto nuovamente il mercato calare, nonostante i migliori sforzi di Apple (vedi sotto). Nel complesso, il 2020 ha visto il mercato europeo degli smartphone ridursi del 14% rispetto al 2019.

Counterpoint ha sottolineato che le prestazioni di Apple sono quelle migliori all’interno dell’intero mercato della telefonia mobile. E la società di ricerca ritiene che il debutto dell’iPhone 12 avvenuto ad ottobre anziché a settembre, possa essere stato positivo per Cupertino:

La decisione di ritardare il lancio dell’iPhone 12 sembra aver dato i suoi frutti per due motivi. Innanzitutto, ha dato all’iPhone 11 e all’iPhone SE l’opportunità di dimostrare una notevole longevità. Inoltre, ha permesso loro di vendere continuamente bene in molti mercati durante tutto l’anno. E in secondo luogo, ha aumentato la domanda per il nuovo dispositivo che, quando finalmente è stato lanciato a ottobre, ha ottenuto numeri spettacolari. In effetti, l’iPhone 12 è stato il lancio di dispositivi di maggior successo di Apple fino ad oggi e ha portato Apple a una quota record del 30% nel quarto trimestre del 2020.

Infine, per quanto riguarda i brand competitor, si osserva l’esplosione dei marchi di telefoni di fascia medio-bassa:

Xiaomi è stata la principale compagnia in Europa nel 2020, diventando il terzo più grande OEM nella regione, spodestando Huawei […] OPPO è entrata nel mercato europeo nel 2018, ma il 2020 è stato l’anno in cui ha guadagnato un certo slancio. Le partnership con i più grandi gruppi di operatori europei – vale a dire Vodafone, Telefonica, Orange e Deutsche Telekom – significano che i dispositivi OPPO fanno parte dei canali dei principali provider in tutta Europa […] Realme è stato il marchio in più rapida crescita in Europa nel 2020, con vendite in aumento di oltre dieci rispetto al 2019. La sua forte proposta di valore ha portato a una buona crescita in mercati più attenti ai prezzi come Italia, Spagna e in tutta l’Europa orientale.

Le migliori offerte di oggi per Apple iPhone 12: tutti i prezzi

Fonte:9to5Mac