I tempi erano maturi, le differenze fra iPhone e iPad erano ormai troppe per non differenziare in modo sostanzioso i due sistemi operativi a bordo dei device. Per questo motivo, diamo il benvenuto a iPadOS, basato naturalmente su iOS 13, ma con una serie di feature esclusivamente dedicata ai celeberrimi tablet.

iPadOS: le principali caratteristiche

Tutto punta alla produttività e alla rapidità di utilizzo. Si parte da una nuova Home, con una serie di widget richiamabili con uno swipe verso destra. A seguire, un multitasking (e uno Split Screen) molto più intelligente, in grado di gestire parecchie finestre aperte consentendo di passare – ad esempio – da una nota a un documento in modo rapido, oppure di dividere lo schermo visualizzando più note contemporaneamente, dunque più finestre della stessa applicazione.

Migliorano e aumentano anche le possibilità di condivisione di materiale di vario genere. iCloud supporterà su iPad la condivisione di cartelle e saranno supportati anche server locali. Finalmente, sarà possibile prelevare e gestire file su memorie esterne (come supporti USB e memory card) e importare foto e video direttamente dalle fotocamere, tutto nativamente. Inoltre, sarà possibile comprimere e decomprimere archivi.

Safari su iPad sarà più simile al browser Web su MacOS che a quello su iOS: avete capito bene, finalmente l’esperienza di navigazione Web su iPad sarà desktop, seppur ottimizzata per l’input tramite touchscreen. Inoltre, quasi non ci si crede, Safari mettere a disposizione degli utenti un vero e proprio download manager.

Migliorata anche l’esperienza d’uso tramite gesti: scorrere un documento diventa più rapido con lo scrolling laterale, ma anche la selezione e il processo di copia/incolla diventano molto più rapidi. Infine, l’interazione tramite Apple Pencil diventa più interessante: la latenza scende a 9ms e ci sono una serie di novità e strumenti pensati proprio per l’utilizzo di Apple Pencil su iPad.

Come iOS 13, iPadOS è disponibile già in versione beta per sviluppatori, mentre la prima beta pubblica sarà scaricabile entro la fine di giugno. Per la prima release stabile bisognerà aspettare invece l’autunno. Quanto alla compatibilità, la nuova edizione del sistema operativo sarà disponibile per iPad Air 2 e successivi, tutti i modelli di iPad Pro, iPad 5 e successivi e iPad mini 4 e successivi.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum