La scorsa settimana, durante il suo evento “Spring Loaded“, Apple ha presentato il nuovo iMac colorato da 24 pollici e l’iPad Pro di quinta generazione con chip M1, display Liquid Retina XDR nel modello da 12,9 pollici e altro ancora. In una nuova intervista con TechCrunch, il vicepresidente senior del marketing mondiale di Apple Greg Joswiak e il vicepresidente senior dell’ingegneria hardware John Ternus, hanno parlato delle differenze tra il PC e il tablet.

L’intervista di TchCrunch ai dirigenti Apple su iPad Pro e iMac

Secondo quanto si apprende dall’intervista, Joswiak afferma:

Sono agli estremi opposti di uno spettro di pensiero e la realtà è che nessuno dei due è corretto. Siamo orgogliosi del fatto che lavoriamo davvero, davvero, davvero duramente per avere i migliori prodotti nelle rispettive categorie. Il Mac è il miglior personal computer, lo è. La soddisfazione del cliente indicherebbe che è così, da molto tempo.

Ternus aggiunge:

Contrariamente a quanto credono alcune persone, non pensiamo mai a cosa non dovremmo fare su un iPad perché non vogliamo invadere il Mac o viceversa. Il nostro obiettivo è: qual è il modo migliore? Qual è il miglior iPad che possiamo realizzare quali sono i migliori Mac che possiamo realizzare. Alcune persone lavoreranno su entrambi, alcune persone si piegheranno verso uno perché si adatta meglio alle loro esigenze e questo è tutto bene.

Spiegano anche che quando è stato annunciato il primo iPad Pro, Photoshop non esisteva e Apple stava spingendo i limiti per creare uno spazio “in cui gli sviluppatori potessero entrare e riempirlo“.

Non c’erano app creative che potessero utilizzarlo immediatamente. Ma ora ce ne sono così tante che non puoi più contare. Poiché abbiamo creato quella capacità, abbiamo creato quella prestazione – e, tra l’altro, ne abbiamo vendute un numero piuttosto elevato – che è una buona combinazione per gli sviluppatori che poi entrano e dicono, posso trarne vantaggio.

Nell’intervista, entrambi i dirigenti hanno anche discusso della tecnologia del display mini-LED, del chip M1 e la nuova funzionalità Center Stage. Con una nuova fotocamera Ultra Wide da 12MP nel sistema TrueDepth, l’iPad Pro può ora concentrarsi sulla persona che parla in modo più naturale:

Questo è uno degli esempi di alcune delle nostre attività preferite da fare a causa del modo in cui unisce l’hardware e il software in modo corretto. Quindi, certo che sia la fotocamera, ma è anche il SOC e gli algoritmi associati al rilevamento della persona, alla panoramica e allo zoom. C’è il tipo di aspetto del gusto, giusto? Che è; come facciamo a creare qualcosa che sia piacevole, che non si muova troppo velocemente e non si muova troppo lentamente. Ci sono un sacco di persone creative e di talento che si uniscono e cercano di trovare la cosa che lo renda simile alla Apple.

Joswiak sottolinea anche che il mercato dei PC sta crescendo e che i Mac stanno superando i PC Windows e stanno andando “abbastanza bene“. Afferma che la maggior parte dei clienti Mac possiede un iPad “perché utilizza lo strumento giusto al momento giusto“.

Per concludere l’intervista, Joswiak ha spiegato perché non considera l’iPad un tablet:

Ci sono iPad e tablet e i tablet non sono molto buoni. Gli iPad sono fantastici. Spingiamo sempre i confini con iPad Pro, ed è quello che vuoi che i leader facciano. (..). Chi altro ti aspetteresti di farlo se non noi. E poi una volta che lo vedi, e una volta che lo usi, non ti chiederai, sarai contento di averlo fatto.

Fonte:Tech Crunch