Apple ha appena comunicato di aver smesso di firmare la versione di iOS 13.5 dopo il rilascio dell’aggiornamento pubblico ad iOS 13.5.1 lo scorso 1° giugno; questo significa che gli utenti ora non potranno più eseguire il downgrade alle versioni precedenti del sistema operativo di casa Apple.

Apple: con iOS 13.5.1 il jailbreak non funzionerà

Il nuovo update iOS 13.5.1 include una serie di correzioni per la vulnerabilità che abilitavano lo strumento di jailbreaking Unc0ver che era stato rilasciato da alcuni sviluppatori pirata lo scorso 24 maggio; tale jailbreak era di fatto, compatibile con tutte le versioni di iOS uscite finora, 13.5 compresa. Questo fattore ha rappresentato un serio elemento di disturbo per l’azienda di Cupertino che è subito corsa ai ripari con il rilascio della patch 13.5.1 che di fatto, elimina la possibilità di ritorno al software precedente.

Se tale pratica vi sta lasciando sbigottiti, non fateci caso; Apple è solita interrompere regolarmente la firma delle versioni precedenti di aggiornamenti software dopo l’uscita delle nuove versioni, al fine di incoraggiare sempre più i clienti a mantenere aggiornati i propri sistemi operativi alle ultime versioni del software rilasciate.

Il colosso di Cupertino ha inoltre rilasciato una correzione per la sicurezza dei suoi prodotti anche per tvOS, watchOS e macOS, fixando così la vulnerabilità stessa su tutti i dispositivi presenti della casa americana.

In questi giorni infine, è emerso che la compagnia di Tim Cook ha distribuito le prime Beta dei prossimi aggiornamenti di iOS e iPadOS 13.5.5 a sviluppatori e Beta Tester pubblici. Altre informazioni trapelate nelle scorse settimane, prevedono la distribuzione capillare di iOS 14 (che sappiamo verrà presentato durante il WWDC online di questo mese) su tutti i modelli di iPhone, perfino su quelli più vecchi (ovviamente con le dovute restrizioni e limitazioni dovute all’hardware obsoleto.

Non ci resta che attender la presentazione dei nuovi sistemi operativi per Mac, iPhone, iPad, Watch, TV con l’evento di fine giugno dedicato agli sviluppatori: “WWDC 2020 is coming!”

Fonte:MacRumors