Il prossimo top di gamma Samsung, che si chiamerà presumibilmente Galaxy S9, potrebbe includere sistemi di autenticazione biometrici avanzati. Secondo un nuovo rapporto di ETNews, il gigante sudcoreano starebbe infatti lavorando per rendere più veloce lo scanner dell’iride e la tecnologia di riconoscimento facciale tramite miglioramenti del software. L’agenzia stampa coreana riferisce inoltre che i prossimi membri della serie Galaxy S avranno un sensore anteriore da 8 megapixel identico a quello di Galaxy S8 e S8+.

Galkaxy Note 7, lo scanner dell'iride
Un noto osservatore del settore ha poi affermato che “potrebbero esserci nuovi componenti aggiuntivi tramite applicazioni software“, oltre ai miglioramenti della velocità dei due sistemi di riconoscimento. Gli esperti considerano comunque la scansione dell’iride una delle forme più sicure di autenticazione biometrica che può essere attualmente utilizzata con i dispositivi mobili. Il processo non è veloce come la scansione facciale, ma è molto più sicuro.