Huawei FreeBuds Pro, gli auricolari TWS che riescono ad emergere in un settore decisamente saturo come quello di appartenenza. Un paio di auricolari di fascia alta, che vale la pena valutare attentamente se si è alla ricerca di un prodotto premium da abbinare al proprio smartphone. Intanto, nella nostra recensione, ti spieghiamo perché sono così interessanti e perché non li consiglieremmo a un utente Apple.

Huawei FreeBuds Pro: la recensione

Premessa: ho utilizzato per circa una decina di giorni questi auricolari come cuffiette TWS principali. Dieci giorni intensi, perché io il telefono all’orecchio ormai non lo metto più, non sono più abituata a parlare al telefono – anche per pochi secondi – senza indossare almeno un auricolare. Ecco quindi le conclusioni che ne ho tratto.

Estetica e materiali

Si tratta fondamentalmente di plastica, sia per la custodia di ricarica sia per la scocca degli auricolari. Non pensate però che l’equazione sia “plastica=prodotto super economico”, tutt’altro. La scelta del policarbonato è dettato dalla necessità di offrire un prodotto che, nel complesso, fosse leggero e facile da trasportare (senza dimenticare la necessità di garantire la ricarica senza fili). L’appeal è decisamente premium, sia ad una prima occhiata, sia al contatto. Anche il design del singolo auricolare mi è piaciuto parecchio, soprattutto quando la cuffietta è indossata.

Prestazioni

Per capire bene cosa offrono questi auricolari TWS, è bene dividere le prestazioni in tre settori: qualità audio, cancellazione intelligente del rumore e modalità “awareness”.

La qualità audio è di buon livello, sia durante l’ascolto musicale, sia in chiamata (si può usare sia uno che entrambi gli auricolari): anche l’interlocutore ha confermato di non aver mai avuto problemi a sentirmi durante una telefonata. Una qualità che incontra le esigenze della maggior parte degli utenti. Questo però, di certo, non renderebbe così speciali questi auricolari, se – a supporto – non ci fosse la cancellazione intelligente del rumore, che è disponibile in tre modalità distinte: comodo (luoghi poco rumorosi), ultra (luoghi molto rumorosi) e generale (luoghi mediamente rumorosi). L’aspetto interessante è che ci pensa direttamente il firmware degli auricolari a decidere quale sia la modalità più adatta, rispetto all’ambiente circostante. Personalmente non mi sono mai resa conto di quando le cuffiette hanno eseguito il passaggio da una modalità all’altra, ma il rumore è sempre stato gestito bene. Voi non dovrete fare niente: ci pensano loro e lo fanno in modo egregio. Se proprio volete però, la modalità dinamica si può disabilitare dall’applicazione, così sarete liberi di scegliere quale modalità ANC utilizzare.

Se è necessario rimanere in contatto con il mondo esterno, ci pensa la modalità “awareness” (letteralmente “consapevolezza”), che si contrappone – essenzialmente – a quella per ridurre il rumore. Anche qui, ci sono più modalità “consapevolezza”: c’è quella standard e quella che mette in risalto le voci umane circostanti. Provate ad attivare questa modalità mentre c’è un cane che abbaia: vi faranno male i timpani, ma sarà la prova del suo funzionalmento! (breve, realmente accaduta, storia triste, ndr)

Sia la cancellazione attiva del rumore, che la modalità “awareness”, fanno benissimo il loro lavoro, migliorando notevolmente l’esperienza d’uso dell’accessorio.

Va sottolineato che l’accessorio ha una buona autonomia energetica. Con il mio utilizzo “misto” (li ho messi alle orecchie solo quando squillava il telefono o per ascoltare musica) ho dovuto ricorrere alla ricarica una volta ogni 4/5 giorni in media. C’è la ricarica senza fili, ma io ho prediletto quella a cavo (USB C).

Se ve lo state chiedendo, si ci sono le gesture rapide per compiere azioni rapide direttamente dagli auricolari. Vi lascio uno schemino riassuntivo che vi permette di capire quante (tante) gesture ci sono e vi rammento che sono un paio sono personalizzabili (scegliendo fra l’attivazione della gestione del rumore oppure l’assistente vocale).

La copertura del Bluetooth (standard 5.2) è eccellente, grazie anche alla presenza di una doppia antenna per ogni auricolare. Inoltre, l’accessorio è in grado di rimanere collegato contemporaneamente a due dispositivi. Non, non si tratta di switch rapido (c’è anche quello): se state lavorando al PC, con gli auricolari connessi, nel momento in cui ricevete una telefonate, potete rispondere con gli stessi auricolari, che contemporaneamente saranno connessi al device.

Ogni dettaglio di questi auricolari è gestibile attraverso l’applicazione Huawei AI Life, che semplifica anche il processo di accoppiamento e l’aggiornamento del firmware (quando necessario). L’app è disponibile unicamente per Android: per questo motivo, a mio avviso, abbinare questi auricolari a un iPhone non è la scelta ideale. Li potrete usare, certo, ma non li sfrutterete a piano.

A proposito di applicazione, gli utenti Huawei trovano su AppGallery l’ultima versione di AI Life, che offre piena compatibilità con i FreeBuds Pro. Versione che però sul PlayStore ancora non c’è, ma nessun problema: è possibile scaricala inquadrando il QR Code presente sulla confezione delle cuffiette, che è lo stesso allegato qui sotto.

I motivi per sceglierli

Il paragrafo dedicato alle prestazioni ben mette in evidenza i motivi per i quali dovreste scegliere questo paio di auricolari, a patto di avere uno smartphone Android. Volendo, si potrebbero riassumere in questo modo:

  • design accattivante;
  • ottima qualità sonora (anche in conversazione);
  • cancellazione del rumore intelligente, che funziona davvero;
  • buona autonomia energetica;
  • possibilità di collegare due dispositivi contemporaneamente.

Huawei FreeBuds Pro: dove comprarli

I nuovi Huawei FreeBuds Pro sono in vendita da pochissimo al prezzo ufficiale di 179€. Si possono comprare attraverso i canali ufficiali del colosso cinese (Huawei Store online e Huawei Experience Store), ma anche da Amazon. Inoltre, chi li sceglierà entro il 31 ottobre 2020, accederà a un’interessante promozione:

Chi acquisterà HUAWEI FreeBuds Pro entro il 31 ottobre 2020, riceverà HUAWEI Band 4 Pro incluso nel prezzo (valore commerciale di 79,90€), oltre a 6 mesi di Huawei Music VIP Membership (valore commerciale di 59,90€). Chi effettuerà l’acquisto presso Huawei Store riceverà gli omaggi contestualmente alla spedizione del prodotto.