Ricordiamo che la diatriba da Huawei e il governo degli Stati Uniti d'America è ancora in auge; sappiamo che, inizialmente, il ban prevedeva solo il divieto di commercializzazione fra aziende americane e il colosso cinese di Ren Zhengfei. Questo significava che la società non può acquistare chip Qualcomm o utilizzare Google Play Store. Tuttavia, Huawei può acquistare i chip MediaTek o Samsung perché non sono società americane. Questo ban non ha avuto alcun effetto sulla compagnia e, con l'aiuto degli smartphone Honor, è comunque salita al primo posto tra i produttori di smartphone a livello globale. Vedendo che le sanzioni sono state inefficaci, gli USA hanno ulteriormente rafforzato i ban, affermando che tutte le aziende che utilizzano la tecnologia americana non possono fare affari con Huawei. E Honor?

Honor: niente GMS per il momento

Ciò significa che se si utilizza una macchina di fabbricazione americana per produrre il chip, non si può fare affari con Huawei. In caso affermativo, gli Stati Uniti vieteranno alla società americana di spedire o mantenere quell'attrezzatura al colosso cinese. A questo punto, per Huawei era finita la partita. Considerando che anche gli smartphone Honor ne averbbero sofferto, l'azienda ha dovuto vendere il suo sub-brand. Ci aspettavamo che dopo la vendita, questo marchio riprendesse a utilizzare i servizi Google Mobile. Invece, questo non è stato il caso.

Secondo quanto riportato da @手机片达人, sebbene Honor sia diventata una società indipendente, questa non ha ancora ottenuto l'autorizzazione Android di Google. Ciò significa che i futuri device Honor non possono utilizzare Google Mobile Services (GMS).

La mancanza dei GMS fa sì che Honor non riesca ad effettuare molte vendite al di fuori della Cina. Per questo motivo, la compagnia sta riducendo le sue previsioni di vendita per quest'anno.

Dalla sua indipendenza, Honor ha gradualmente recuperato partner e fornitori. Artisti del calibro di AMD, Qualcomm, Samsung, Microsoft, Intel, MediaTek, ecc. sono tornati alla sua catena di approvvigionamento. L'azienda lancerà anche un flagship con lo Snapdragon 888/Pro nella seconda metà dell'anno.

Android Open Source Project (AOSP) è una soluzione completa per sviluppatori di hardware e software Android. Al momento, la maggior parte dei produttori di telefoni cellulari cinesi utilizza ROM AOSP profondamente personalizzate. Tuttavia, diventa legale a livello internazionale dopo la certificazione di Google.

Fonte:ITHome