Ad oggi probabilmente tutti abbiamo familiarità con le linee guida promosse dai governi locali al fine di mantenere la giusta distanza sociale dagli altri individui e prevenire i contagi da CoVid-19. Non tutti però riescono a visualizzare correttamente questo tipo di spazio nella loro testa; di fatto Google ha pensato ad uno strumento (al momento in fase di testing avanzato) al fine di misurare in modalità AR la distanza sociale dalle altre persone.

Google Sodar: come funziona?

Il tool rilasciato da Google si chiama Sodar e non ha nemmeno bisogno di una particolare app per funzionare. Di fatto, basta andare sul sito ufficiale di Sodar all’interno del browser Chrome su un dispositivo Android, toccare le varie finestre di dialogo per consentire le autorizzazioni e gli accessi alla fotocamera e agli altri parametri, e il sito genererà un’esperienza di realtà aumentata molto intuitiva. Di fatto, si vedrà una linea curva sul pavimento dalla fotocamera del device che mostra quali sarebbero i due metri da rispettare per la distanza sociale.

La linea proiettata nel feed della telecamera in realtà aumentata si muove mentre si interagisce con l’ambiente circostante, perciò si può mantenere (in teoria) l’ordine e le dovute distanze con semplicità semplicemente puntando la camera nel luogo intorno a noi, monitorando i dovuti spazi. La linea non sarà però, accurata e precisa.

Sarebbe curioso infatti vedere questa funzione su iPad Pro avente lo scanner LiDAR; con questo si potrebbe gestire infatti, in maniera precisa, la distanza dagli altri individui. Al momento la funzione è in esclusiva sui prodotti Android. Qualora dovesse arrivare anche su device Apple, vi terremo aggiornati.

Fonte:Sodar