Poche ore fa Google ha aggiornato la propria app Fotocamera, rendendola disponibile a tutti i possessore di dispositivi con sistema operativo Android in versione KitKat 4.4.x  sul Play Store.

L’app, alternativa a quella nativa sui dispositivi Android e sostitutiva della precedente nei modelli della gamma Nexus, rappresenta un nuovo passo in avanti effettuato da Google verso il miglioramento di un comparto su cui l’azienda non ha mai particolarmente investito fino al lancio sul mercato del Nexus 5, caratterizzato dalla presenza di una fotocamera da 8 megapixel con stabilizzatore ottico dell’immagine e capace di scattare fotografie di ottima qualità.

Google Fotocamera
Google Fotocamera

La nuova app Google Fotocamera rinnova l’interfaccia grafica, rendendola più accattivante e funzionale, ed ingrandisce (forse in maniera esagerata) lo spazio su cui effettuare il tap per lo scatto, costituito da un’area colorata di nero posizionata nella parte bassa del display.

Le funzionalità introdotte consentono ora a tutti i dispositivi Android di scattare immagini in modalità Panorama e Photo Sphere, ed aggiungono la possibilità di riprodurre (in modo forse un po’ troppo macchinoso) l’effetto sfocato tramite Lens Blur per aumentare la profondità di campo anche in post produzione, così come analogamente i modelli Lumia permettono di fare attraverso l’app Nokia Refocus.

La versione pubblicata di Google Fotocamera non costituisce però un punto di arrivo, ma rappresenta lo sforzo messo in atto dall’azienda per migliorare sempre più le prestazioni offerte dal comparto fotografico dei dispositivi con sistema operativo Android.

Analizzando il codice della nuova versione, infatti, il team di Android Police ha trovato alcuni interessanti riferimenti a nuove feature che verranno introdotte nei prossimi aggiornamenti, tra cui la possibilità di impostare una propria foto scattata tramite Photo Sphere come live wallpaper.

Ma le novità più interessanti dovrebbero riguardare l’introduzione di tre nuove modalità: “Advanced Camera Mode” per la regolazione manuale dello scatto, “Time Lapse Mode”, già presente sul primo Google Nexus per la realizzazione di filmati tramite immagini scattate secondo una certa frequenza  temporale e “Wide Angle Mode”, tramite la quale scattare fotografie in formati diversi rispetto al preimpostato 4:3 (come ad esempio Samsung consente già di fare con l’app nativa).

Google Fotocamera
Le icone Time Lapse e Wide Angle già utilizzate su Android

Per quanto riguarda il comparto video, alcune sezioni di codice anticipano la possibilità di modificare lo sfondo di ripresa e di deformare i volti delle persone tramite il software di riconoscimento facciale integrato.

Il percorso che Google dovrà fare per ottimizzare la propria app Fotocamera è ancora lungo, ma la direzione intrapresa con la sempre più forte integrazione con le funzionalità di Google Now, con il recente aggiornamento dell'app e con le prossime funzionalità in arrivo potrebbe essere davvero quella giusta.

Google Fotocamera
Google Fotocamera

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum