All’inizio di questa settimana, Amazon aveva bloccato le vendite di alcuni smartphone BLU a causa di problemi di sicurezza. A quanto pare, alcuni dei telefoni lanciati dalla società statunitense erano sospettati di inviare dati privati a server sconosciuti in Cina. Anche se BLU ha negato le falle di sicurezza, Amazon ha comunque rimosso alcuni dei portatili dell'azienda dal suo store. Ebbene, gli smartphone BLU sono ora tornati in vendita su Amazon.

Blu Grand M
Blu Grand M, uno degli smartphone "incriminati"

Secondo BLU, si trattava solo di "un falso allarme", quindi coloro che sono alla ricerca dei telefoni cellulari Android della società possono ora tornare a prenderli in considerazione per l'acquisto. Purtroppo questa non è la prima volta che uno o più smartphone BLU sono sospettati di avere preinstallati software di terze parti da Shanghai ADUPS Technology, che presumibilmente invia dati utente ai loro server in Cina. Lo scorso autunno, i ricercatori di Kryptowire avevano dimostrato il metodo utilizzato da ADUPS per raccogliere i dati dagli smartphone BLU e inviarli ad altri server senza il consenso dell'utente. BLU ha comunque sempre negato tali accuse e affermato che i suoi smartphone gestiscono "la raccolta di dati standard e di base che non rappresenta alcun rischio di sicurezza o privacy".