Un incubo che stava per ricominciare a tormentare il colosso sud coreano: qualche giorno fa un utente possessore di Samsung Galaxy S10 5G ha denunciato l’autocombustione e l’esplosione del suo device. Lo smartphone, stando a quanto dichiarato, avrebbe iniziato a bruciare mentre era appoggiato sul tavolo. L’azienda ha chiaramente preso molto sul serio l’accaduto ritirando il device per analizzarlo ed approfondire le cause che avrebbero portato all’incidente: dopo una serie di indagini, Samsung conferma che l’esplosione non è di sua responsabilità.

Galaxy S10 5G non è un Note 7

Era il 2016 quando un bellissimo Galaxy Note 7 venne presentato con orgoglio dal colosso sud coreano. Poche settimane, e qualche unità consegnata, dopo iniziò a circolare l’inquietante notizia: i device esplodevano, letteralmente. Samsung è immediatamente intervenuta con diverse campagne di richiamo degli smartphone consegnati e – parallelamente – ha avviato delle indagini che permettessero di capire cosa ci fosse dietro le esplosioni. Dopo qualche settimana, il verdetto: le batterie difettose erano il problema.

Dunque, è comprensibile che l’episodio di un Galaxy S10 5G esploso abbia immediatamente riportato a galla brutti ricordi. Tuttavia, secondo Samsung la situazione è completamente differente: il device sarebbe esploso per cause esterne, probabilmente per un impatto. Non c’è alcun componente interno che sembra aver generato l’incidente. Dunque, nessuna responsabilità e nessun rimborso per l’utente coreano che ha speso 1200$ per acquistare una delle prime unità di Samsung Galaxy S10 5G.

Vi ricordiamo che, al momento, il flagship è stato lanciato esclusivamente nella Corea del Sud lo scorso 5 aprile. Il paese sta facendo territorio pioniere per il primo smartphone 5G dell’azienda, che sembra aver scampato il pericolo di unità difettose, almeno così ha dichiarato ufficialmente.

Le migliori offerte di oggi per Samsung Galaxy S10 5G: tutti i prezzi

Fonte:Androidheadlines