I numeri di telefono e i dati personali di oltre 553 milioni di utenti di Facebook sono stati pubblicati online da un utente in un forum di hacking del deep web; questo è quanto emerge da un rapporto del Business Insider.

Un grande attacco hacker ai danni di Facebook

Almeno 100 Paesi sono inclusi in questo gigantesco attacco pirata; nello specifico, notiamo che sono stati diffusi i dati di 32 milioni di utenti negli Stati Uniti e di 11 milioni di utenti nel Regno Unito.

Questa violazione include numeri di telefono, ID Facebook, nomi completi, luoghi, date di nascita, biografie e, in alcuni casi, indirizzi e-mail.

A Business Insider, Alon Gal, CTO della società di intelligence sul crimine informatico Hudson Rock, che ha scoperto per la prima volta i dati trapelati sabato, ha dichiarato:

Un database di quelle dimensioni contenente le informazioni private come i numeri di telefono di molti utenti di Facebook porterebbe sicuramente a malintenzionati che sfruttano i dati per eseguire attacchi di ingegneria sociale [o] tentativi di hacking.

Non è la prima volta che Facebook fa trapelare online i dati dei suoi utenti. Nel 2020, la società di Mark Zuckerberg è stata coinvolta in una situazione controversa per quanto riguarda i problemi di privacy e ha confermato che migliaia di sviluppatori erano stati in grado di accedere ai dati di utenti inattivi, il che è un comportamento inaspettato.

Prima di allora, c’è stata la controversia Cambridge Analytics, in cui la società, non solo ha avuto accesso ai dati di chiunque avesse dato il permesso a un “quiz sulla personalità” di terze parti, ma ha consentito all’app di accedere anche ai dati dei propri amici .

L’azienda non ha ancora commentato questa nuova fuga di dati, ma sembra che questa possa essere la peggiore fuga di notizie che abbia mai coinvolto i dati degli utenti sulla piattaforma. Non appena avremo nuovi sviluppi, ve lo faremo sapere.

Fonte:Business Insider