Tim Cook, CEO di Apple ha dichiarato in un tweet postato sul proprio profilo, che l’azienda ha effettuato importanti donazioni in America e all’estero per aiutare le nazioni gravemente danneggiate dalla pandemia in corso.

Cook ha ammesso che avrebbe aiutato la Protezione Civile, l’ente italiano che si occupa di previsione, prevenzione e gestione degli eventi di emergenza in Italia. Gli aiuti da parte della compagnia non si fermano soltanto ad importanti donazioni economiche; Apple aiuterà l’Italia anche offrendo forniture mediche, fondamentali per affrontare la crisi nei reparti ospedalieri. Su Twitter si legge:

“Non è mai stato così importante supportarsi a vicenda. Stiamo effettuando una donazione sostanziale, comprese forniture mediche a Protezione Civile in Italia, per aiutare gli eroici soccorritori, il personale medico e i volontari che lavorano instancabilmente per proteggere e salvare vite umane. Vicini all’Italia”

Apple: in prima linea contro il CoVid-19

L’Italia è uno dei Paesi maggiormente colpiti dalla pandemia da CoVid-19, stando ad oggi. Dopo la Cina, ha superato perfino la Corea del Sud in termini di persone contagiate, con una cifra quasi record di oltre 35.000 persone infette. Fra queste, i morti sono più di 3000 finora; un bilancio drammatico che sta costringendo persone, famiglia, imprese, e nazioni intere a rivedere le proprie priorità al fine di debellare il nemico comune, un virus piccolo ma letale, che sta portando al collasso i sistemi sanitari mondiali con un gran numero di persone in terapia intensiva.

Apple ha deciso quindi di impegnare più di 15 milioni di dollari per aiutare a combattere l’epidemia; gli aiuti non si fermano di certo qui. Il CEO dell’azienda di Cupertino ha anche dichiarato di star donando alla Silicon Valley Strong, una piccola nuova organizzazione nell’area di San Francisco Bay che supporta le imprese e le famiglie colpiti dalla crisi, con un ingente quantità di denaro.

L’azienda ha deciso di chiudere tutti i suoi retail nel mondo (fatta eccezione per la Cina, dove la situazione sembra essere nuovamente tornata quasi alla normalità) fino a data da destinarsi, per evitare il contagio da Coronavirus. Con produzioni ridotte ed profitti dimezzati, appare evidente che anche una realtà come Apple stia subendo un grave colpo alla sua economia; tuttavia, la priorità, come afferma Cook stesso, è la salvaguardia della salute delle persone, ora più che mai, anche a discapito dei guadagni. In una lettera scritta da Tim Cook ai dipendenti si può leggere:

“La nostra prima priorità – ora e sempre – è la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, partner della catena di fornitura, clienti e delle comunità in cui operiamo. La nostra profonda gratitudine è con coloro che sono in prima linea nell’affrontare questa emergenza sanitaria pubblica.”

 

Fonte:Twitter Tim Cook