Un grande aumento della popolarità dei cellulari con fotocamera integrata ha determinato una forte crescita nella produzione e nella condivisione di immagini digitali. IDC, azienda specializzata in analisi di mercato, stima che nel 2007 verranno scattate più di 626 miliardi di foto digitali, tuttavia l’aumento nei volumi di stampa non sarà proporzionale, visto che le immagini stampate più di frequente sono quelle scattate con una macchina fotografica digitale.

Secondo Ron Glaz, direttore della sezione apparecchi per immagini digitali di IDC, l’abbassarsi dei prezzi delle stampanti inkjet di alta qualità e della carta fotografica ha favorito un aumento del 41% del volume di stampa casalingo nel biennio 2002-2003; tuttavia le foto stampate non provenivano quasi mai da un telefonino. I cameraphones, infatti, rimangono soprattutto uno strumento di ‘e-sharing’, vista la crescente qualità d’immagine, facilità d’uso e convenienza nelle tariffe di trasmissione immagini. Ulteriori studi hanno stimato che le stampe digitali sorpasseranno quelle da rullino entro il 2007 anche senza l’apporto dei cellulari, prevedendo inoltre un aumento degli utilizzatori di servizi di stampa digitale online o presso negozi; la stampa in casa resterà, tuttavia, dominante.