Mauro Paissan, componente dell’Autorità Garante per la Privacy, ha messo in guardia tutti gli utenti mobili e gli operatori dei rischi di ledere la privacy dei cittadini a causa della sempre maggiore invadenza dei telefonini nella società odierna. ‘Il telefono cellulare è un nostro fratello – ha affermato Paissan – uno strumento di affetto oltre che di lavoro, ma senza demonizzare questa innovazione tecnologica, dobbiamo impedire che diventi il Grande Fratello che ci controlla. È necessario che gli operatori stiano bene attenti ai dati personali degli utenti mobili, soprattutto in vista dell’arrivo del nuovo elenco telefonico unico che conterrà anche i numeri dei cellulari’.

Paissan ha voluto anche ricordare gli sforzi del Garante per la Privacy e la recente campagna stampa per sensibilizzare gli italiani a proteggere i propri dati personali. L’invadenza dei telefonini potrebbe rivelarsi ancora più grande con l’arrivo dei primi telefoni UMTS e con la sempre maggiore diffusione dei camera phone. Occorre secondo Paissan badare bene ai dati personali dei cittadini, onde evitare di far diventare anche il telefonino ricettacolo di pubblicità spazzatura e non richieste, come lo spamming su Internet ci insegna.