Stando ad alcuni brevetti presentati da Apple, la società sarebbe intensionata ad integrare la ricarica wireless al’interno dei suoi MacBook. Il sistema funzionerebbe sia in entrata che in uscita, permettendo di ricaricare senza fili il laptop e contemporaneamente anche altri dispositivi compatibili, come iPhone, iPad e Apple Watch.

Tramite una serie di bobine installate sotto lo chassis del MacBook sarà sufficiente posizionare lo smartphone per trasferire energia da un dispositivo all’altro. In questo modo, così come accade per la reverse charging di Samsung e HUAWEI, non sarà più necessario portarsi dietro diversi cavi e alimentatori, bensì basterà il solo caricatore del Mac.

macbook

Leggi anche: Apple: futuri Macbook ed iPhone con caricatori GaN

MacBook con ricarica wireless: il brevetto ufficiale di Apple

Il sito PatentlyApple.com ha diffuso parte del testo allegato alla richiesta di brevetto da parte di Apple, che spiega a grandi linee l’idea della società di Cupertino:

“A portable electronic device comprising: an enclosure having a back surface and defining an opening opposite from the back surface; a display positioned within the opening of the enclosure; a first inductive coil and a second inductive coil positioned separate from the first inductive coil, both the first inductive coil and the second inductive coil being positioned within the enclosure and between the display and the back surface of the enclosure, and operable to wirelessly transmit power to, or receive power from, an external device positioned proximate to the enclosure; and a first alignment component positioned adjacent to the first inductive coil and a second alignment component positioned adjacent to the second inductive coil, wherein the first alignment component is arranged in a first configuration, and the second alignment component is arranged in a second configuration different from the first configuration.”

Non abbiamo notizie ufficiali che confermano il lancio di questa tecnologia, ma possiamo supporre che l’implementazione non vedrà la luce nel prossimo futuro. Una cosa è certa, Apple sta lavorando a questo sistema e tra qualche anno potrebbe introdurlo sul mercato.