Lanciato lo scorso autunno, Apple Music per il web – sino ad ora solo in beta – è finalmente disponibile in versione stabile.

Apple Music web da beta a stabile

Per i fan della Mela, oggi arriva una buona notizia, dato che il colosso di Cupertino ha lanciato Apple Music sul Web – la piattaforma di streaming multimediale – in versione stabile, abbandonando quindi il laboratorio aperto iniziale per iniziare il suo percorso ufficiale sul mercato.

Disponibile su music.apple.com e non più su beta.music.apple.com, Apple Music per desktop in versione stabile presenta un’interfaccia utente semplice, a cui si può accedere senza troppe complicazioni. In effetti, l’utente – al primo accesso – dovrà essenzialmente selezionare il Paese di residenza e entrare nella piattaforma attraverso la sua identità Apple (Apple ID).

Una volta entrato, se ha un un abbonamento ad ‌Apple Music attivo‌, l’utente avrà subito a disposizione tutti i contenuti della sua libreria, le playlist, oltre ai vari suggerimenti personali che anche l’app Music per iOS o Android offrono.

Ricordiamo, inoltre, che Apple Music sul web – per gli abbonati – rispecchia l’app per iOS, macOS e Android. Tuttavia, la piattaforma non permette di visualizzare i testi dei brani e porta a rinunciare ad alcune funzioni.

Non va dimenticato che il servizio della Mela consente – anche ai non abbonati – di godere dell’ascolto di alcuni brani ed estratti di pezzi: non è paragonabile ad una sottoscrizione, ma è pur sempre una possibilità da non sottovalutare. Per chi non avesse mai provato Apple Music, segnaliamo che la società mette a disposizione una prova gratuita di tre mesi, tempo necessario per decidere o meno se attivare un abbonamento a pagamento.

All’inizio dell’estate 2019, Apple Music registrava circa 60 milioni di abbonati e, benché sia una cifra inferiore ai 100 milioni di abbonati di Spotify, il lancio della versione stabile per desktop – che eviterebbe di scaricare e installare il celebre software iTunes di Apple – potrebbe dare una spinta all’incremento dei fan del servizio di streaming musicale del colosso di Cupertino.

Fonte:Macrumors