N

el campo della tecnologia – e della telefonia in particolare – si contano più analisti di mercato che consumatori finali, ma alcuni di essi risultano essere effettivamente autorevoli e forniscono indicazioni preziose per interpretare il funzionamento del mercato stesso. Tra le voci più importanti figura sicuramente la società di ricerca statunitense iSuppli, recentemente acquisita dal colosso IHS. Ebbene, gli esperti aziendali hanno realizzato uno studio in cui si mostra l’andamento delle vendite e le relative variazioni in termini percentuali dei primi dieci costruttori di telefoni e smartphones. Nokia mantiene il primato, ma presenta una riduzione del 14,5% nel primo trimestre del 2011 rispetto all’ultimo quarto del 2010 ed attestando il proprio market share al 24,9%. Apple è seconda, ma l’incremento è stato di ben il 14,9%, conquistando il 19,2% del mercato. Apple e Nokia
Top Ten delle vendite di smartphones secondo iSuppli Con questo passo, le posizioni si invertiranno in pochi mesi.Il punto da analizzare consiste nel fatto secondo cui Cupertino con un solo esemplare di telefono venduto ogni anno è in grado di contrastare fortemente un brand come Nokia che diversifica la propria offerta a seconda del cliente finale mediante una segmentazione del mercato attenta e particolareggiata. Sicuramente la vendita del modello bianco di iPhone 4 e della versione CDMA da sole non giustificano tali dati.