A dispetto delle previsioni del leaker Evan Blass, Android 9.0 Pie è stato ufficializzato prima del 20 agosto. Non solo, il nuovo sistema operativo è già in roll out su Google Pixel, Pixel XL,Pixel 2, Pixel 2 XL.

Android Pie, il nome perfetto per il nuovo sistema operativo

Alla fine il suo nome non era Pistacho ma Pie e la scelta ha perfettamente senso. Infatti, a partire da questo autunno, l’OS offrirà la "Slice" (in italiano "fetta") ovvero l'accesso rapido solo a determinate sezioni di un'applicazione.

Potremo, partendo da una ricerca su Google, interagire con la scheda di un'applicazione che ci interessa di più senza doverla avviare. Rapidità, produttività e reattività che calzano perfettamente con la filosofia del nuovo sistema operativo, basato principalmente sull'Intelligenza Artificiale.

 

"A tutta AI"!

Android Pie è sviluppato facendo tesoro delle possibilità offerte dall'intelligenza artificiale. Già diversi produttori, a partire da Huawei con P10, hanno iniziato da tempo a sfruttare l'AI per offrire uno smartphone in grado di adattarsi alle abitudini dell'utente.

L'integrazione nativa dell'intelligenza artificiale all'interno del sistema operativo permetterà di fare molto di più ed ovviamente ancora meglio. Il device, con il tempo e l'utilizzo, si adatterà perfettamente ad esigenze ed abitudini dell'utente.

Ad esempio, la batteria sarà ricaricata più lentamente nelle ore in cui solitamente il proprietario dello smartphone dorme (Adaptive Battery). Al mattino saranno mostrate le condizioni del traffico sul tragitto per il lavoro. Spotify mostrerà in automatico le playlist preferite nel momento in cui viene collegato un auricolare (App Actions).

 

Tantissime novità, già scoperte con le diverse build beta                        

Nei mesi abbiamo avuto la possibilità di assaggiare la torta grazie alle build sviluppatore e pubbliche, che ci hanno permesso di conoscere la maggior parte delle novità come le gesture . Non trascurabile la possibilità di controllare le statistiche di utilizzo dello smartphone, che mostrano il tempo di utilizzo del device suddividendolo in base alle applicazioni. Il "Digital Wellbeing" dovrebbe consentire agli utenti di utilizzare in modo consapevole lo smartphone, aumentando il proprio benessere.

Rollout già partito!

Android Pie è già disponibile al download via OTA su tutti i Google Pixel (2016 e 2017) mentre arriverà entro l'autunno sugli smartphone inclusi nel programma di beta test dei produttori Sony Mobile, Xiaomi, HMD Global, OPPO, Vivo, OnePlus ed Essential. 

Chiaramente, all'elenco dei device che riceveranno per primi Android Pie bisogna aggiungere anche quelli che partecipano al programma Android One. 

 

 

FONTE