Il secondo produttore di chip STM in Europa ha appena dichiarato che aumenterà i prezzi dal 1 ° giugno a causa della carenza di materiale.

Anche STM Electronics fa i conti con la carenza di chipset

Il secondo più grande produttore di chip in Europa, STM (STMicroelectronics) ha annunciato che intende aumentare i prezzi dei suoi prodotti su tutta la linea a partire dal 1° giugno 2021. Questo annuncio è stato condiviso all'inizio di questa settimana, poiché la stessa dichiara di dover affrontare problemi con l'approvvigionamento di materiali.

Secondo quanto riferito, l'aumento dei prezzi arriva poiché anche il costo dei materiali è aumentato insieme alla crescente domanda che il mercato ha riscontrato a causa della carenza globale di semiconduttori. STM ha aggiunto che “la domanda di semiconduttori sta attualmente raggiungendo livelli senza precedenti, portando a grandi sfide nel soddisfare gli ordini nonostante il nostro significativo investimento di capitale“. Il chipmaker ha anche condiviso una dichiarazione che è stata firmata da Collins Wu, il vicepresidente regionale per la regione Asia-Pacifico.

Per chi non lo sapesse, l'azienda ha sede in Svizzera ed è specializzata nella realizzazione di dispositivi discreti di alimentazione e unità di microcontrollori (MCU) per applicazioni automobilistiche. Ma ora, la società sta lottando per assicurarsi i fornitori di materiali, poiché questi stanno lottando per soddisfare la domanda dei clienti a causa della carenza di semiconduttori. Ciò ha portato ad “aumenti dei costi e condizioni commerciali più aggressive per mantenere la nostra fornitura di questi materiali scarsi“.

Inoltre, si suppone che l'aumento del prezzo non sia un'impennata a breve termine poiché dovrebbe essere sostenuto per almeno un altro anno o due. Questa situazione si è ulteriormente aggravata dai tempi di consegna già allungati da 6 a 12 mesi necessari per l'espansione della capacità presso fonderie come TSMC, il più grande produttore di chip a contratto al mondo.

Fonte:Gizmochina