Se chiedessero in giro il nome del telefonino più venduto al mondo, quanta gente direbbe senza esitare "l’iPhone 6s"?
L'exploit dell'iPhone 6s fatto nello scorso fine settimana, in cui ha venduto oltre 13 milioni di unità, non è però niente in confronto ai numeri del Nokia 1100, con oltre 250 milioni di unità vendute dal suo rilascio nel 2003 (exploit ripetuto dal suo successore Nokia 1110 due anni più tardi).
Fa impressione vedere tanti telefonini (anzi, smartphone) rinomati e dalle funzionalità avveneristiche non riuscire ad avvicinarsi a quanto ha venduto la Nokia col 1100 in 5 anni.

Nokia 1100
Nokia 1100


Ma cosa ha decretato il successo del dispositivo finlandese? Intanto il prezzo, intorno ai 100 euro (cifra modesta anche per il 2003). Poi per le sue specifiche: niente display ricurvo, niente processore deca-core, ma manegevolezza, una torcia integrata, 36 suonerie monofoniche preinstallate, cover intercambiabile, capacità di memorizzare 50 messaggi (25 ricevuti e 25 inviati), possibilità di inserire in rubrica 50 contatti, 400 ore in standby e giochi preinstallati tra cui Snake.

Il dispositivo dei record potrebbe ritornare nelle nostre tasche in versione Android: nel marzo di quest'anno è stato infatti visto passare su GeekBench un Nokia 110 con processore quad-core MediaTek MT-6582 con clock a 1,3 GHz. A causa di un accordo tra Nokia e Microsoft, questo smartphone non potrà però uscire prima del 2016.