Nei giorni scorsi ha fatto il suo debutto il Nokia Music Store (music.nokia.co.uk). Il sito presenta un’ampia scelta di canzoni, per gli amanti della musica vi è la possibilità di acquistare tracce musicali o album di ogni genere e di molti artisti; tuttavia ci sono due aspetti che non possono passare innosservati.

Il primo è che non si può accedere al sito tramite il browser Mozilla Firefox, nel momento in cui si prova ad accedere, appare una pagina in cui è spiegato che "Supported systems are currently Microsoft Windows XP or Vista" e "Supported browsers on the above systems are currently Microsoft Internet Explorer 6 and above".

La seconda cosa da notare è che, sebbene gli artisti in elenco siano molti, alcuni mancano. Dove è finita Madonna? E Neil Young?
Secondo quanto riferito dal Wall Street Journal, la spiegazione risiede nel fatto le maggiori etichette musicali come Universal, Sony BMG e EMI hanno aderito al Nokia Music Store, mentre la Warner Music Group, una delle quattro principali etichette discografiche del mercato musicale mondiale, non vi ha aderito.
Sul banco degli imputati vi sarebbe Nokia Mosh, un canale di distribuzione di contenuti mobili proposto dalla casa finlandese che permette agli utenti di caricare contenuti musicali e video. Il timore è che in questa sorta di rete sociale ci possa finire materiale protetto dal diritto d'autore.
Nokia risponde che all'interno di Mosh vi è il filtro Audible Magic copyright (un software in grado di identificare e bloccare le canzoni coperte da copyright) e che inoltre rimuoverà prontamente il materiale non autorizzato che dovesse essere scambiato.
Nokia sembra stia discutendo con Warner nella speranza che la compagnia in futuro possa aggiungersi al Nokia Music Store.