Inizialmente erano oltre 400 gli esuberi indicati da 3 Italia, poi sono scesi a 192, e in queste ultime ore il taglio di personale dovrebbe riguardare solo 111 unità lavorative.

Lo rende noto Gianni Fortunato, segretario nazionale dell’Ugl Telecomunicazioni. "Abbiamo invitato la direzione generale di H3g a presentare alle organizzazioni sindacali un piano di effettivo rilancio del gruppo che riteniamo abbia ancora tutte le potenzialità e possibilità di svolgere un ruolo primario nel settore delle telecomunicazioni non solo italiano ma anche internazionale, al fine di garantire, anche per questi esuberi, modalità di ricollocazione professionale che salvaguardino comunque la professionalità e l'esperienza acquisita negli anni".

In attesa dell'incontro definitivo del 17 novembre, Fortuntato ha invitato l'azienda a non perseguire politiche di riduzione dei costi, ma a definire un progetto industriale serio e di prospettiva a medio e lungo termine.
Comunicato nel mese di settembre, il taglio di dipendenti ha coinvolto tutti i livelli, da quello impiegatizio a quello dirigenziale, ad esclusione della direzione tecnica e dei call center.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum