Introduzione

Prendi un Android, trattalo male… No, non è l'introduzione che rende più giustizia al 4geek Horus, lo smartphone nato da progetto italiano. La dicitura più esatta è forse Android-fai-da-te, perché a questo nuovo prodotto manca tutta la parte Google.

4geek Horus
4geek Horus

No Maket, no riconoscimento vocale, per esempio, ma tutti i passi per installarli manualmente riportati nel forum di supporto, costruito in maniera perfetta e ben organizzato così come l'assistenza di questo modello. Andiamo allora a scoprirlo insieme.

Confezione

Tanta roba! nella confezione di vendita del nuovo Horus. A disposizione, infatti, abbiamo il cavo dati USB, due batteria da 1300 mAh (purtroppo senza un caricabatterie esterno che si dovrà acquistare a parte), una scheda di memoria aggiuntiva di tipo MicroUSB da 2gb con adattatore, i manuali e l'ovvio caricatore da viaggio.

4geek Horus
4geek Horus

La batteria consente un'utilizzo di una giornata scarsa (con il nostro uso importante). Comoda la seconda batteria, scomodo il come caricarla.

Primo Contatto – Funzioni e Materiali

Il nuovo Horus è uno smartphone candybar full touchscreen che opera in sistema duale UMTS – GSM quadribanda. Ampia la connettività, anche se non annovera il protocollo "n" del wi-fi, limitato ai soli b e g.

4geek Horus
4geek Horus

Per il resto, abbiamo l'HSPA, il bluetooth stereo, e il cavo dati utile per conversare con il pc. Esteticamente, anche Horus somiglia ai tanti altri candybar full touchscreen provati qui per Telefonino.net, e in particolari non si notano sforzi stilistici per rendere unico il modello.

4geek Horus
4geek Horus

La solidità c'è, le forme sono quelle consuete e il peso pure. Il display è da 4.3 pollici, con risoluzione 800×480 pixel. Si vede sotto il sole. Ampio il parco di sensori che sovrasta lo schermo: c'è quello della luminosità, quello della prossimità, e c'è anche la videocamera utile per le videochiamate via VoIP (non supporta quelle classiche).

4geek Horus
4geek Horus

La camera migliore è sul restro: 5.0 megapixel con flash e autofocus, e si accompagna agli altoparlanti stereo che non si sentono male. Nelle scocche anche accelerometro e chip GPS assistito integrato.

Primo Contatto – Dimensioni e Peso

Horus si fa notare per una buona ergonomia, figlia della back cover gommata che favorisce l'impugnatura di questo modello da 126.8 millimetri di altezza, 67 di larghezza, e 11.8 di spessore. Il peso è limitato a 140 grammi.

4geek Horus
4geek Horus


Oltre al touchscreen capacitivo e multitouch che risponde con adeguata velocità alle nostre sollecitazioni, ci sono anche tre pulsanti a sfioramento sotto lo schermo che completano le nostre disponibilità.

 

4geek Horus
4geek Horus

Purtroppo non sono retroilluminati, una bella pecca. Sul dorso destro c'è lo slot per la MicroSD, a sinistra il volume, sotto gli ingressi di microfono, jack per le cuffie, e slot per cavistica. Sopra, infine, l'accensione/blocco.

4geek Horus
4geek Horus

In Prova – Il nostro test

Il nuovo 4geek Horus è figlio di un progetto italiano. L'abbiamo definito Android-fai-da-te perché la versione qui presente, la 2.2, è depurata dei contenuti Google, dalla possibilità di speech to text fino al Market dedicato, passando dal client gmail.

4geek Horus
4geek Horus

Se un utente ne ha la volontà, può seguire i dettami riportati sui forum, per installare autonomamente tutto. Perché allora comprare Horus se ci sono tanti Android che non hanno questa necessità? Perché Horus costa 299 euro, forse, o più probabilmente perché è destinato a chi ama le sfide, a chi si vuole mettere alla prova, a chi pensa di poter sviluppare, su una piattaforma che non ha vincoli e che abbiamo imparato a conoscere così bene.

4geek Horus
4geek Horus

A dare potenza a tutta la struttura c'è il processore Qualcomm da 1GHz, e la memoria RAM è 512mb. Niente male. La parte telefonica è buona, sia per il chiamante sia per l'interlocutore, nonostante il vivavoce gracchi ai volumi massimi. Bene anche la messaggistica, ma manca il solito pinch to zoom nelle mail in HTML.

4geek Horus
4geek Horus

Presente invece il pinch nella navigazione web, che ha anche il flash player. Le risposte non sono così immediate come visto su altri modelli, ma in fondo non ci si può lamentare.

4geek Horus
4geek Horus

E non ci si può lamentare nemmeno dell'assenza di un buon numero di applicazioni, perché di default a disposizione abbiamo Facebook, Documents to Go (versione lettura), e tanto altro. C'è anche il riconoscitore vocale che però commette qualche errore di troppo. La multimedialità ha luci e ombre.

4geek Horus
4geek Horus

Le fotografie scattate tramite la cam da 5.0 megapixel con flash e autofocus tendono all'azzurrino, i video sono penosi, perché girabili ad appena 352×288 pixel. I video per il resto, invece, si visualizzano bene, a patto che non siano DivX.

4geek Horus
4geek Horus

La musica funziona senza intoppi, soprattutto per il riproduttore delle canzoni, mentre la radio FM non ha grande sensibilità e non si sente dagli altoparlanti integrati (solo cufie). In definitiva, quindi, un esperimento che può aprire la via ad altri di 4geek.

4geek Horus
4geek Horus

Forse con un prezzo più competitivo Horus sarebbe stato ancor più appetibile al pubblico italiano.

Immagini 4geek Horus

Tutte

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata Plug in
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 1300
Tipo di batteria Litio
Ricarica wireless
RAM
Memoria interna 512 KB
Memoria esterna microSD
Chipset Qualcomm QSD8650
Reti supportate GPRS,EDGE,UMTS,HSUPA
Schermo pieghevole
Diagonale 4,3"
Sistema Operativo Android 2.2
NFC
HDMI
Infrarossi
Funzioni Bluetooth A2DP/EDR
WiFi WiFi 3
USB Micro USB v2.0
Bluetooth v2.1

Foto e video

Risoluzione massima
* specifiche per sensore
Raw
Flash LED Flash
Risoluzione massima
Stabilizzatore
Risoluzione massima foto
* specifiche per sensore

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Riconoscimento iride