Un misterioso smartphone Xiaomi, con nome in codice Cepheus, è passato dai test della celebre piattaforma di benchmark Geekbench. Potrebbe trattarsi del futuro flagship dell’azienda, Mi 9.

Il misterioso Xiaomi Cepheus

Il documento che attesta il passaggio del terminale da Geekbench descrive un device evidentemente top di gamma: il processore è il nuovissimo SoC Qualcomm Snapdragon 855 ed a supporto sembrano esserci 6GB di memoria RAM mentre il sistema operativo dovrebbe essere Android Pie.

I punteggi dei test, realizzati oggi (con i dovuti calcoli del fuso orario), sono abbastanza interessanti: Xiaomi Cepheus raggiunge 1o872 punti in multi core e 3475 in single core. Tenendo conto che siamo davanti ad un prototipo o comunque di un’unità di preproduzione, si tratta di risultati degni di nota.

Xiaomi Mi 9: le specifiche note

Il prossimo top di gamma di Xiaomi sarà quasi certamente Mi 9, per questo motivo si tende a pensare che il misterioso smartphone esaminato da Geekbench possa essere proprio l’atteso flagship del quale si conosce ancora poco. Solo qualche giorno fa, è trapelata la prima lista delle possibili specifiche tecniche del device: il processore ed una delle configurazioni di RAM  dovrebbero essere proprio quelli menzionati da Geekbench.

Per il resto, lo smartphone dovrebbe avere un display da 6,4″ con risoluzione Full HD+ e rapporto d’aspetto 19:9 dovuto alla presenza di un qualche tipo di notch. Sotto lo schermo potrebbe esserci anche il lettore d’impronte digitali.

Il comparto fotografico potrebbe rendere Mi 9 un vero e proprio camera phone: a bordo dovrebbe esserci infatti il nuovo sensore Sony IMX586 da 48MP e non solo. Infatti, il flagship potrebbe godere, sempre a riguardo delle fotocamere posteriori, un sensore ToF (time of flight) che permetterebbe il riconoscimento 3D degli oggetti garantendo un’esperienza più immersiva quando si utilizza la realtà virtuale e quella aumentata.

Fra le informazioni trapelate c’è anche il possibile prezzo del device per il mercato cinese: dovrebbe aggirarsi intorno ai 400€. Certamente da noi costerà di più, ma questo rassicurerrebbe sulle intezioni di Xiaomi, decisa a lasciare bassi i margini di profitto sugli smartphone.

Fonte: Gizmochina