Il Wi-Fi, abbreviazione di Wireless Fidelity, è usato da anni in tutto il mondo per riuscire a portare connettività veloce in zone isolate e nei piccoli centri. Sindaci e governi fanno sempre più spesso riferimento a questa tecnologia per mettere a disposizione dei cittadini un servizio aggiunto, ma come spesso accade, ci sono vantaggi e svantaggi.

Nel mese di luglio Parigi aveva annunciato di volersi arricchire di 105 punti di accesso in tutta la città liberamente accessibili dalle ore 7 alle 23 da parchi, musei, strade e biblioteche.

E’ di questi giorni la notizia che il Comitato d'igiene e sicurezza della direzione degli affari culturali del Municipio di Parigi ha imposto il blocco del Wi-Fi nelle biblioteche comunali della capitale francese a causa di disturbi accusati dal personale. I disturbi sarebbero di varia natura come mal di testa, vertigini e dolori muscolari.
Il ministero della sanità francese ha chiesto all'Afsset – agence française de sécurité sanitaire de l'environnement et du travail, agenzia di sicurezza sanitaria del lavoro – un rapporto sulle radiazioni che riguardano la rete Wireless, che sarà pronto solo alla fine del 2008.