Sono stati annunciati oggi i risultati trimestrali del Gruppo Vodafone per il periodo dal 1 ottobre 2005 al 31 dicembre 2005.
A fine dicembre 2005 Vodafone Italia ha raggiunto i 23.688.000 clienti (+421.000 rispetto al 30 settembre 2005), registrando nel trimestre una ulteriore crescita nelle nuove attivazioni, rispetto a quelle relative allo stesso periodo dello scorso anno.
La crescita "organica" dei ricavi da servizi (ovvero escluso l’effetto della riduzione delle tariffe di terminazione imposto dall’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni) È stata pari a circa il 4% nel trimestre chiuso il 31 dicembre 2005 rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.
Tenendo conto della riduzione delle tariffe di terminazione dall’1 settembre 2005, i ricavi da servizi decrescono nominalmente dell’1,7%.
I ricavi da Servizi Dati e Multimediali sono cresciuti complessivamente del 16,1%, con un’incidenza sui ricavi da servizi nel trimestre pari al 17,4 %, in crescita rispetto al 14,7% di fine dicembre 2004.
Nel trimestre i ricavi da messaggistica sono cresciuti del 12,8% e i ricavi dati, esclusa la messaggistica, sono cresciuti di oltre il 40%, rispetto allo stesso periodo del 2004.
Il risultato positivo è frutto della crescita dei telefoni e connect card UMTS che hanno raggiunto quota 2.234.000 a fine dicembre 2005 (+ 64% rispetto al 30 settembre 2005).
L’ARPU (ricavo medio per utente) di Vodafone Italia nel trimestre è pari a 27,7 euro, in decrescita del 3% circa al lordo della riduzione delle tariffe di terminazione. Tenendo conto anche della misura decisa dall’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni, la decrescita È dell’8,3% rispetto allo stesso trimestre del 2004.
A fine dicembre 2005 i clienti Vodafone live! hanno raggiunto quota 4.524.000.
A commento dei risultati del trimestre, l’Amministratore Delegato di Vodafone Italia, Pietro Guindani ha dichiarato: "I risultati commerciali sono molto soddisfacenti a dimostrazione della dinamicita’ della nostra offerta: rispetto allo scorso anno, le attivazioni di nuovi clienti sono state ancora in crescita e la promozione Supercarica ha attratto oltre 6 milioni di sottoscrizioni, un successo che non ha eguali sul mercato italiano. Nel trimestre abbiamo anche registrato un aumento significativo della clientela UMTS che ha trainato la percentuale dei ricavi da Servizi Dati su nuovi livelli massimi. Viceversa a riguardo dell’andamento dei ricavi, da questo trimestre si fa sentire in pieno l’impatto del taglio delle tariffe di terminazione. Un intervento che per le sue dimensioni, ha ripercussioni sull’intero settore e, in particolare, per Vodafone Italia, ha comportato un abbattimento del tasso di crescita di quasi 6 punti percentuali. Questo spiega perchÈ la crescita dei ricavi, che in termini organici È positiva del 4%, viceversa in termini nominali È negativa dell’1,7%. Anche l’ARPU dei clienti ha subito una flessione per lo stesso motivo".