Con le major release dei sistemi operativi non sempre fila tutto liscio: ne sa qualcosa Google, che è alle prese coi classici vizi di gioventù di Android 5.0 Lollipop, anche se in queste ore si segnala la risoluzione di un fastidioso bug che ha condizionato fin qui l’esperienza d’uso su alcuni terminali.

Presente sin dall’esordio pubblico di Lollipop, questo bug conosciuto in gergo come “memory leak” causa un progressivo riempimento della memoria RAM che costringe il sistema operativo a cercare di purgare le app in modo tale da riguadagnare spazio libero. Il problema è che in questo caso non è un’app a causare l’occupazione indebita di memoria, bensì il sistema operativo stesso: per un problema nella gestione della RAM si appropria di sempre maggiore spazio, finendo per causare la chiusura di app innocenti anche durante il loro utilizzo.

A manifestare i maggiori problemi in tal senso sono stati gli utilizzatori di Nexus 5 e Nexus 7, che lamentavano spesso l’interruzione della riproduzione musicale mentre il player era in background o la sparizione delle notifiche da parte delle app terminate a loro insaputa.

Il bug è presente in tutte le versioni di Lollipop fin qui distribuite (5.0.1 e 5.0.2 comprese), ma a questo punto risulta risolto e sarà incluso presto in una release pubblica (magari già dalla 5.0.3): in questo modo gli smartphone e i tablet già aggiornati a questa major release dovrebbero vedere migliorata drasticamente la propria esperienza d’uso, in particolare il multitasking (ovvero saltare da un’app all’altra senza dover attendere il riavvio tutte le volte).