Quest’estate sarà un sms della Farnesina ad avvisare i turisti italiani all’estero di un rischio imminente oppure ad organizzare i soccorsi in casi di crisi.

Questo nuovo sistema è possibile grazie ad una convenzione tra l’Unità di Crisi del ministero degli Esteri e gli operatori di telefonia mobile per l’invio di messaggi d’allerta ai connazionali oltre frontiera nei casi di emergenza.

In realtà, va detto che, il sistema è già operativo ed è stato utilizzato ampiamente nel dicembre 2004, in occasione dello ‘tsunami’ nel sud-est asiatico e degli attentati di Londra del 2005.

Elisabetta Belloni, capo dell’Unita’ di Crisi, ha spiegato "Ora però c’è un quadro giuridico certo in cui operare, nel pieno rispetto della privacy"

Per rintracciare gli italiani, oltre agli sms verranno utilizzati anche i messaggi vocali.