Giuseppe Sammartino, Direttore
Affari Regionali H3G, ha alzato un grido di allarme per la troppa lentezza con
la quale vengono dati i permessi per l’installazione delle nuove BTS UMTS. Tali
difficoltà potrebbero far ritardare addirittura il lancio del servizio da parte
di H3G, previsto per il mese di settembre 2002.

‘Nello stesso periodo di tempo
in cui in Gran Bretagna a fronte di 2000 richieste, sono stati concessi 1.800
permessi per l’installazione di antenne, in Italia a fronte di 3.000 richieste
sono state concesse solo 700 autorizzazioni. Questo è il vero gap che
separa l’Italia da un paese che ha scelto di percorrere fino in fondo la via
dell’innovazione’

Sammartino continua affermando
che se non si porrà rimedio a tale situazione, un ritardo nello sviluppo dei
servizi 3G sarà inevitabile. In particolar modo si mettono anche in pericolo
posti di lavoro, visto che gli investimenti in tale settore rappresentato il
40% di tutti gli impieghi di denaro esteri nel nostro paese e che questi flussi
monetari potrebbero rivolgersi ad altri mercati, se si dovesse intravedere che
il nostro paese sia poco ricettivo all’innovazione.