È finalmente ufficiale, e non solo frutto di indiscrezioni di varia natura, l’offerta commerciale di 3, primo operatore italiano a lanciare un servizio UMTS. A partire dal 4 novembre tutti i punti vendita autorizzati stanno raccogliendo le prenotazioni per i nuovi abbonamenti, che verranno divisi in due diverse offerte, TOP 3 Privilege e TOP 3 Executive.

Si tratta in ambo i casi di abbonamenti e non di SIM prepagate, dato che 3 ha deciso di partire con l’offerta prepagata solo nel mese di marzo 2003. TOP 3 Privilege e TOP 3 Executive sono entrambi abbonamenti flat, i primi del genere per la telefonia mobile in Italia. Avranno un costo rispettivamente di 140 ed 85 Euro mensili, comprensivi di 10 ore settimanali di chiamate nazionali verso rete fissa, mobile e verso il Centro Messaggi 3, 10 ore settimanali di videochiamate nazionali verso altri clienti 3 o di altri operatori mobili, 150 SMS settimanali verso qualunque numero mobile e fisso nazionale ed internazionale, 50 MMS settimanali verso qualunque numero mobile nazionale ed internazionale, 100 e-mail settimanali in ricezione ed invio, comprensive di allegati, verso e da qualunque indirizzo e-mail, 100 contenuti multimediali alla settimana e tutte le pagine del Portale Mobile 3.

TOP 3 Privilege darà anche la possibilità di prendere in nolo un terminale UMTS Nec e606, con l’opportunità di sostituirlo una volta all’anno con uno di quelli presenti nel futuro listino di 3, mentre con TOP 3 Executive si dovrà acquistare a parte uno dei due terminali, il Motorola A830 a 570 Euro ed il Nec e606 a 780 Euro. Sono esclusi dall’abbonamento e quindi tariffati a parte le chiamate internazionali, in roaming internazionale o verso prefissi telefonici a pagamento, come 84, 199, etc. le videochiamate internazionali ed in roaming, le pagine Internet al di fuori del Portale Mobile 3 ed il traffico dati generato utilizzando il telefono come modem esterno.

Tutti i servizi eccedenti le soglie saranno tariffati a parte, le chiamate nazionali a 12 centesimi al minuto, con scatto alla risposta di 15 centesimi, le videochiamate 48 centesimi l’una, gli SMS 15 centesimi l’uno, gli MMS 48 centesimi l’uno, le e-mail 18 centesimi l’una, mentre il traffico Internet avrà un costo di 60 centesimi come scatto alla risposta e 0,2 centesimi al Kb scaricato o inviato. Sempre a parte si dovrà pagare la tassa di concessione governativa. Con ogni probabilità la distribuzione dei primi cellulari avverrà nei primi giorni del mese di dicembre, preceduta da una massiccia campagna pubblicitaria.