In base a una relazione della Commissione europea, gli operatori di telefonia mobile hanno abbassato le tariffe di roaming in linea con i massimali tariffari stabiliti dalle norme europee introdotti per la prima volta nel 2007 e modificati nel luglio scorso.
I prezzi sono più trasparenti. Il costo delle chiamate in roaming è diminuito di oltre il 70% rispetto al 2005 e quello di messaggi di testo scambiati tra utenti degli Stati membri è calato del 60%. I consumatori però non usufruiscono ancora di tariffe molto inferiori a quelle imposte dalla normativa dell’UE. Nella sua relazione, quindi, la Commissione giunge alla conclusione che la concorrenza nel mercato UE del roaming non è ancora abbastanza forte da offrire ai consumatori una miglior scelta e migliori tariffe.

La commissaria europea per l'agenda digitale e vicepresidente della Commissione Neelie Kroes ha dichiarato: "Da quando sono state adottate le prime norme sul roaming, utilizzare il cellulare o un altro apparecchio mobile quando siamo in un altro paese dell'UE è divenuto sempre meno caro. Ma a tre anni dall'introduzione delle norme, la maggior parte degli operatori offre prezzi al dettaglio che comunque si aggirano intorno ai massimali tariffari. Se nel mercato del roaming dell'UE vi fosse una maggiore concorrenza i consumatori potrebbero godere di una scelta nonché di tariffe migliori."

In base alle norme modificate sul roaming adottate nel giugno 2009, i cittadini dell'UE beneficiano di tariffe più basse per i servizi vocali e l'invio di SMS in roaming e sono meglio informati circa i prezzi che pagano per la trasmissione di dati in roaming. Dal 1° luglio 2009 il limite al prezzo massimo pagato dai consumatori per le chiamate vocali è sceso da 0,46 EUR a 0,43 EUR al minuto (IVA esclusa) e a partire dal 1° luglio 2010 è sceso a 0,39 EUR. Dal 1° luglio 2009 per i messaggi di testo il massimale tariffario è diminuito di quasi il 60%, passando a 0,11 EUR. Dal 1° luglio di quest'anno il prezzo che gli operatori si addebitano reciprocamente per la trasmissione di dati in roaming è sceso da 1 EUR a 0,80 EUR per megabyte in entrata o in uscita.

Dall'analisi della Commissione emerge inoltre che è aumentato l'uso dei servizi di roaming: nonostante le stime diano un calo dei viaggi del 12%, il volume complessivo delle chiamate ricevute e degli SMS inviati dai consumatori in un paese dell'UE diverso dal proprio è cresciuto negli ultimi due anni. Nell'estate 2009, in particolare, in seguito all'introduzione in tutta l'UE del massimale tariffario di 11 centesimi per gli SMS, è stato inviato il 20% in più di messaggi rispetto all'estate precedente.
Il volume dei servizi di roaming dati è aumentato di oltre il 40% nel 2009. Con la crescente diffusione degli smartphone e di altri dispositivi portatili, è possibile che questa tendenza continui.