Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, non sarebbe stata ancora raggiunto dai paesi dell’Unione Europea un accordo sulle procedure di regolazione dei costi di roaming.
Il voto sarebbe previsto per la prossima settimana ma corre il rischio di slittare almeno fino alla fine di maggio.