Il governo ha deciso di adottare regole più severe per arginare incidenti e morti stradali: tolleranza zero per chi si mette alla guida dopo aver fatto uso di droga o alcol.
Ci saranno maggiori controlli, sanzioni più severe, esami più difficili per patente e recupero punti.
Ma nuove regole e multe più salate arriveranno anche per coloro che non rispettano i limiti di velocità o guidano con il telefonino incollato all’orecchio: stop alla tolleranza, "la guida deve diventare responsabile e guai a chi sgarra – dice il sottosegretario ai Trasporti Bartolomeo Giachino – i cittadini dovranno avere questa netta percezione."

''A settembre d'accordo con il presidente del Consiglio e il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti istituiremo un tavolo per fare il punto a sei anni dalla patente a punti, che ha ridotto del 25% gli incidenti stradali. Grazie alle norme sul decreto sicurezza abbiamo sequestrato più di 800 auto di persone che guidavano in stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti. Abbiamo evitato che andassero in giro a fare guai peggiori”, spiega Bartolomeo Giachino.

Un messaggio anche alle case automobilistiche "Dobbiamo spiegare che è inutile puntare sulla velocità per i nuovi modelli, quando a causa delle strade congestionate non si può correre. Bisogna privilegiare invece le dotazioni di sicurezza".

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum