Tim Cook suggerisce agli utenti di porre attenzione alle notifiche: l’amministratore delegato dell’azienda con il più grande app store del mondo, esatto. Parole, quindi, estremamente delicate e pesanti. Da leggere con estrema attenzione.

Per status symbol, per necessità, per lavoro, per passatempo, per utilità e per un’altra infinita serie di ragioni, ormai siamo un po’ tutti dipendenti dalle tecnologie e, in particolare dallo smartphone. È inutile negarlo. Una dipendenza trasversale che vede coinvolti un po’ tutti, non solo le nuove generazioni (per questo tra l’altro ampiamente criticate). Usiamo lo smartphone ormai quasi per ogni nostra attività, anche per disintossicarci da lui stesso, si pensi alle app volte a garantirci il “Benessere digitale” che ci permettono di impostare timer per limitare l’utilizzo che facciamo di smartphone e app, come Screen Time, la funzione di iOS che fornisce indicazioni circa il tempo trascorso sul proprio iPhone e sulle app.

E ora un monito arriva addirittura dal CEO di Apple, Tim Cook, il quale ha dichiarato che, secondo la sua opinione, le persone dovrebbero posare ogni tanto il proprio iPhone e ridurre il tempo passato sulle app. Il CEO di Apple, lo ha detto oggi al TIME 100 Summit, ribadendo un concetto che in realtà afferma da tempo:

Ogni volta che prendi il telefono, significa che stai distogliendo lo sguardo da chiunque tu abbia a che fare, chiunque ti stia parlando, vero. E se guardi il tuo telefono più di quello che guardi gli occhi di qualcun altro, stai facendo la cosa sbagliata.

Non vogliamo che le persone usino i loro telefoni per tutto il tempo. Questo non è mai stato un obiettivo per noi.

Vogliamo educare le persone su quello che stanno facendo. Questa cosa migliorerà nel tempo, proprio come ogni altra cosa che facciamo. Ci innoveremo come facciamo in altre aree.

Cook: monitorate le notifiche push

Cook spiega che l’obiettivo di Apple era di fornire dei dispositivi mobili che accompagnassero le persone nelle attività quotidiane, semplificando la vita e il modo di lavorare, non che passassero tutto il tempo sugli iPhone, o comunque troppo tempo.  Lui stesso ammette di aver messo a tacere le notifiche push negli ultimi mesi perché diventate troppo invasive.

In pratica Cook ha costruttivamente criticato la piattaforma di notifica di Apple, appositamente costruita con l’idea di aumentare il coinvolgimento degli utenti, consentendo agli iPhone di ricevere notifiche riguardo una innumerevole moltitudine di app e servizi. Addirittura l’amministratore delegato di Apple lancia un consiglio ai proprietari di iPhone:

Se non lo state facendo – se avete un iPhone e non lo state facendo, vi incoraggio a farlo – monitorate le notifiche push. La conseguenza che ha avuto su di me è che sono entrato [nel mio iPhone] e ho rimosso un gran numero di notifiche. Mi sono chiesto: ho davvero bisogno di ricevere migliaia di notifiche al giorno? È qualcosa che aggiunge valore alla mia vita? Mi stanno rendendo una persona migliore. E così sono entrato e ho levato tutto.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Techcrunch