Stavolta parliamo di smartphone dual-SIM, dispositivi in grado di gestire due schede telefoniche. La doppia scheda vi consentirà di essere raggiungibili su due numeri telefonici e, in pratica, di utilizzare lo smartphone sia per uso professionale e privato o per l’estero. Telefonino.net ha quindi testato 20 smartphone dual-SIM di tutte le fasce di prezzi: dal Huawei P8 Lite, modello entry level da 160 euro, fino ai dispositivi top di gamma, come il Samsung Galaxy S7 Edge Duos (690 euro).

Il funzionamento della dual-SIM
I dispositivi testati, al pari di quasi tutti gli attuali smartphone dual-SIM, dispongono solo di un unico modulo per la connessione mobile. Grazie ad un artificio tecnico sono però in grado di consentire la ricezione in parallelo di due numeri telefonici di gestori diversi. Questa tecnologia è nota anche come "Dual SIM Standby". L'unico svantaggio è costituito dal fatto che può essere attivo un solo collegamento telefonico e, quindi, mentre siete in contatto con un numero, non sarete raggiungibili sull'altro numero, poiché una conversazione impedisce il trasferimento dati sull'altra scheda SIM.

slot ibridi bis
Il doppio alloggiamento per le due SIM card

Telefonate e connessione dati
Le chiamate in entrata avvengono esattamente come quelle degli smartphone tradizionali. Prima di effettuare una telefonata dovrete selezionare da quale numero dovrà partire. A tal proposito, l'applicazione per il telefono o lo home screen visualizzano due simboli (SIM1, SIM2). In alternativa sarà possibile stabilire anche nel menu una SIM per tutte le telefonate. Alcuni dispositivi (Windows Phone) consentono di collegare la rubrica dei contatti a ciascuna scheda SIM.
La connessione per i dati è però possibile solo tramite una scheda, che potrà essere generalmente selezionata dalle impostazioni dello smartphone. Solo quest'ultima consentirà di stabilire collegamenti veloci via UMTS (3G) o LTE (4G), mentre l'altra scheda rimarrà connessa alla rete 2G. Ad eccezione del Moto G2 e del Nokia Lumia 730, tutti i dispositivi testati supportano la connessione rapida LTE.

Ci sono ripercussioni sulla batteria?
Nei test eseguiti in passato, come ad esempio per il Lumia 630, sui modelli dual-SIM era stata rilevata un'autonomia più breve della batteria, rispetto ai modelli dotati di una sola SIM. Con gli attuali dispositivi tutto questo non si riscontra più, infatti il Galaxy S7 Edge e il Lumia 950, nella versione dual-SIM, hanno offerto nelle prove una durata di batteria analoga alle varianti con una sola SIM.

Meglio memory card o SIM?
Chi desidera ampliare la memoria del proprio smartphone tramite una microSD, al momento dell'acquisto dovrà effettuare una valutazione accurata, dato che sui dispositivi dotati di slot "ibrido", la scheda SIM e la memory card devono condividerne uno. Con il Galaxy S7 Edge Duos, il Huawei Mate 8 o il Moto X Force dovrete decidere se utilizzare lo slot per una SIM supplementare o godere di spazio extra per i dati tramite una scheda SD.

slot ibridi
Gli slot ibridi possono accogliere 2 SIM o una memory card e una SIM

E i trasferimenti di chiamata?
Mentre effettuate una telefonata utilizzando il numero abbinato alla SIM, non sarete raggiungibili sull'altro numero. Attraverso il trasferimento di chiamata automatico tra i due numeri, i chiamanti potranno però inoltrare ugualmente l'avviso di chiamata. Questa modalità funziona solo con i dispositivi di Samsung, Microsoft e Asus. Dal trasferimento di chiamata deriva però l'inconveniente, che a seconda del piano telefonico, si generano dei costi, soprattutto se si utilizza lo smartphone dual-SIM all'estero.

Perché scegliere uno smartphone dual-SIM
Innanzitutto, soprattutto chi utilizza un numero telefonico per uso professionale e un altro personale, troverà ideale lo smartphone dual-SIM. E, anche se normalmente non avete bisogno di una doppia SIM, all'estero uno smartphone dual-SIM potrebbe rivelarsi molto utile, soprattutto se effettuate numerose telefonate o utilizzate intensivamente Internet, anche senza WLAN. Siccome poi gli operatori offrono raramente piani telefonici per smartphone con un "sostanzioso" volume dati, si rivela migliore una seconda SIM, con tariffa conveniente solo per la gestione dei dati come quelle "solo dati" vendute di solito per i Tablet. E vogliamo parlare dell'abbinamento con tariffe gratuite? Parecchie schede SIM consentono infatti di abbinare più tariffe, che possono essere gratuite (o per lo meno molto vantaggiose) per determinati numeri telefonici o anche per l'accesso ai dati. Infine, se qualcuno dovesse utilizzare un numero per motivi specifici, senza che nessuno debba venirne a conoscenza, con uno smartphone dual-SIM avrà la possibilità di trasferire il numero a un cellulare tradizionale e farne, appunto, uso.

Il problema delle frequenze LTE

Numerosi smartphone top di gamma, come ad esempio lo Xiaomi Mi5 o anche quelli del brand Meizu, sono ottenibili in Italia con difficoltà. I gestori italiani, infatti, hanno purtroppo per il momento poco interesse che questi dispositivi entrino in circolazione. È però possibile ottenere numerosi modelli top di gamma da rivenditori italiani o importarli via eBay. Occorre però fare attenzione, poiché non tutti i dispositivi sono perfettamente idonei per le reti italiane. Il dispositivo cinese Android Xiaomi M5 non supporta la più popolare frequenza LTE italiana da 800 MHz e lo stesso problema si riscontra con l'HTC ONE M8 dual-SIM. Prima di acquistare uno di questi terminali, è possibile verificare le reti LTE supportate andando su www.frequencycheck.com. Una volta fatta la ricerca per il modello di smartphone, è possibile controllare la compatibilità con i vari operatori di tutti i Paesi del mondo.

check
Su www.frequencycheck.com è possibile verificare le reti LTE supportate da uno smartphone

Conclusioni
Dal test sugli smartphone dual-SIM è emerso che questa tecnologia è ormai matura e potrà rivelarsi veramente utile. Tra i vari device in prova, quasi tutti gli utenti potranno trovare il dispositivo adatto alle proprie esigenze. Lo smartphone decisamente migliore, ma anche più costoso, è il Galaxy S7 Edge Dual Sim, seguito dal Lumia 950 Dual e dallo Huawei Mate 8. Con un costo inferiore a 170 euro, lo Huawei P8 Lite e il Samsung Galaxy J3 (2016) Duos offrono veramente parecchio per questa cifra. Le fotocamere migliori sono offerte dal Moto X Force (con luce diurna) e Lumia 950 (con luce scarsa). L'Acer Liquid Z630 offre invece la batteria più durevole.

A seguire trovate la tabella con tutti i risultati del test. Per ingrandire
l'immagine è sufficiente cliccarci sopra.

Tabella Smartphone dual-Sim small
Tabella test smartphone dual-Sim

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum