Dopo circa un mese, Telegram ha ricevuto un nuovo aggiornamento per Android e iOS: la nuova versione 5.5 apporta diversi miglioramenti che riguardano la privacy.

Telegram, update 5.5: dettagli

L’app di messaggistica che offre la crittografia end-to-end per i messaggi e afferma di fornire tale servizio nel modo più rapido possibile rispetto a qualsiasi altra app, ha rilasciato un nuovo update che riguarda uno degli aspetti essenziali per le applicazioni di messaggistica, vale a dire la privacy.

Gli utenti che lo desiderano da oggi potranno, infatti, cancellare qualsiasi messaggio inviato o ricevuto in una chat privata. Telegram ha affermato anche che i messaggi cancellati scompariranno da entrambi i lati della conversazione e non ne rimarrà alcuna traccia.

Questa nuova funzionalità è fondamentalmente un’espansione del servizio “non inviato” che Telegram ha lanciato per la prima volta due anni fa. La funzione originariamente era limitata per le prime 48 ore, mentre adesso – con due tocchi – gli utenti possono rimuovere qualsiasi messaggio inviato o ricevuto senza limiti di tempo. Ribadiamo che i messaggi vengono cancellati dal dispositivo del mittente e del destinatario.

Inoltre, Telegram sta limitando chi è autorizzato a inoltrare i messaggi che un utente ha inviato. Quando un utente attiva la nuova funzione di inoltro anonimo, i messaggi inoltrati non saranno ricollegati all’indirizzo Telegram del mittente: sostanzialmente, un nome non cliccabile apparirà nel campo “da”.

Telegram ha anche aggiunto un’opzione di ricerca per le impostazioni, consentendo ai membri di trovare rapidamente le impostazioni che desiderano modificare. A proposito di ricerca, anche la funzione di ricerca di emoji e GIF è stata aggiornata: qualsiasi GIF selezionata può essere visualizzata in anteprima toccando e tenendo premuto sull’immagine. Inoltre, su Android, le parole chiave possono essere utilizzate in più lingue per aiutare a trovare un’emoji specifica.

Infine, Telegram ha aggiunto anche le funzioni VoiceOver su iOS e TalkBack su Android, entrambe controllate dai gesti: i servizi – sviluppati appositamente per persone con disabilità – forniscono un feedback vocale in modo che Telegram possa essere utilizzato senza visualizzare lo schermo su un dispositivo mobile.

Fonte: Phonearena