Il mercato dei tablet si sta pian piano arenando. Le motivazioni possono essere molteplici ma non sono molto chiare. Probabilmente l’hype iniziale è già terminato o forse pian piano sta scemando. Può anche essere che il mercato stimato per questo tipo di device non fosse poi così vasto come si pensava, potenzialmente potrebbe già essere saturo o quasi. Il tablet non è poi un formato così anziano, ha appena 6 anni nella forma in cui lo conosciamo oggi – il primo iPad di Apple infatti iniziò ad essere venduto solo il 3 aprile 2010.
Sia come sia, non si vendono più tanti tablet come un tempo. Questo trend negativo è ormai in essere da diverso tempo. Lo confermano i dati.

Tablet global market share 2016 Q2 (IDC)
Tablet global market share 2016 Q2 (IDC)

Secondo IDC, durante il secondo semestre trimestre del 2016 la vendita di tablet si è ridotta del 12,3%. Trattasi del sesto segno negativo di fila, in altre parole negli ultimi sei trimestri le vendite globali dei tablet non hanno fatto altro che calare. Tra aprile e giugno di quest'anno sono stati consegnati 38,7 milioni di apparecchi, circa 5,4 in meno rispetto allo stesso periodo del 2015.

Nonostante questa debacle, il numero uno del mercato continua ad essere Apple, che ha venduto 10 milioni tondi di iPad durante il secondo trimestre del 2016 aggiudicandosi il 25,8% del mercato. Un dato che potrebbe apparire positivo, se non fosse che si tratta di una riduzione di ben 9,2 punti, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Segue in seconda posizione Samsung con 6 milioni e Lenovo con 2,5 milioni di dispositivi consegnati. In quarta e quinta posizione troviamo Huawei e Amazon, che hanno venduto rispettivamente 2,2 e 1,6 milioni di device a tavoletta. La società cinese e il colosso online di Jeff Bezos sono le uniche società – delle cinque – a far registrare un risultato positivo. Un super positivo risultato: +71% per Huawei e addirittura +1208,9% per Amazon – quest’ultimo ovviamente grazie al prezzo stracciato del Fire Tablet (50$). Agli altri produttori rimane il 42,4% del mercato globale – non poco, diciamo, ma si tratta comunque di uno scenario davvero frammentato in mille briciole.

Per quanto riguarda il sistema operativo impiegato sui device, Android la fa da padrone anche nel settore tablet, così come avviene per il settore smartphone – anche se con cifre differenti. È suo il 80% del mercato dei cellulari, mentre per i pc a tavoletta deve limitarsi a un comunque consistente 65%. iOS di Apple è secondo in classifica, ma molto distaccato, con la quota del 26%. Windows invece sta del tutto scomparendo dal panorama dei tablet, visto che gli rimane appena un 9% – grazie ovviamente al suo Surface e ai vari computer convertibili di altre marche che, alla bisogna, se collegati ad una tastiera, diventano dei notebook quasi completi.