Mentre il mercato mondiale delle vendite di smartphone ha fatto registrare un deciso crollo nel 2018, il segmento premium (quello degli smartphone che costano dai 400 euro in su) ha registrato una crescita del +18% nell’ultimo anno, stando a quanto emerso dall’ultimo report di Counterpoint Research, contribuendo ad un quarto (22%) delle spedizioni globali di smartphone nel 2018. Tra i produttori, Apple continua a guidare il segmento degli smartphone premium a livello mondiale detenendo oltre la metà del mercato (51%), segue a distanza Samsung, con il 22% di share.

L’ascesa dei marchi cinesi

In generale la crescita del segmento premium è stata trainata dai nuovi iPhone ma anche dagli OEM cinesi come Huawei, OPPO OnePlus che hanno aumentato la loro presenza nel segmento premium e hanno ampliato la categoria. Proprio i marchi cinesi fanno registrare le crescite più impressionanti: OPPO cresce del + 863%, OnePlus del +209% e Xiaomi del +149%.

Le ottime prestazioni di Huawei sono principalmente dovute al successo delle serie P20 e Mate 20 che si sono imposte nel mercato puntando sul comparto fotografico, la potenza e il design come caratteristiche chiave di differenziazione. Questo ha portato Huawei a guadagnare quote nel segmento premium in Cina e in Europa.

La crescita di OPPO è arrivata dal suo mercato interno cinese, con le serie R15 e R17 che stanno andando molto bene. Nei paesi europei il marchio propone offerte di fascia medio-alta e ora sembra stia puntando molto sul 5G per guadagnare fette di mercato al di fuori della Cina, oltre ad inserire nuove funzionalità come gli smartphone dotati di Zoom 10x.

Le prestazioni di OnePlus sono spinte dal successo di OnePlus 6T. A livello territoriale,quattro quinti delle spedizioni globali hanno riguardato Cina, India e Europa occidentale. OnePlus entra tra l’altro per la prima volta tra i cinque migliori marchi del segmento premium negli USA. Un risultato di rilievo, considerando l’intensificarsi della concorrenza nel segmento a livello mondiale: oggi nel segmento premium degli smartphone si contano ben 40 OEM che competono a livello globale. Solo i primi cinque detengono però il 90% del mercato totale.

In termini di regioni, l’APAC (Asia-Pacifico) è stata la regione in più rapida crescita per il segmento premium con una crescita del +27% su base annua, guidata dalle performance di Huawei, OPPO, Vivo e Xiaomi in Cina. Da soli, Cina e Stati Uniti hanno contribuito a oltre la metà delle spedizioni globali del mercato premium. In particolare, il segmento premium cinese è cresciuto del +37% su base annua mentre gli Stati Uniti sono cresciuti del +10% su base annua. Altri paesi dove il segmento premium è cresciuto rapidamente comprendono l’Indonesia (+ 54%), la Russia (+ 28%), il Canada (22%), il Messico (22%), la Thailandia (+ 20%), l’ India (+ 14%), il Brasile (13%) e Giappone (10%).

Smartphone Premium: classifica degli OEM per regione

NAM MEA LATAM WE CEE CHINA APAC Excl China India
Apple Apple Samsung Apple Samsung Apple Apple Samsung
Samsung Samsung Apple Samsung Apple Huawei Samsung OnePlus
Google Huawei Huawei Huawei Huawei OPPO Sony Apple
LG Sony Motorola OnePlus OnePlus vivo OnePlus Huawei
Motorola Nokia HMD LG Google LG Xiaomi Huawei vivo

Segmento premium: previsioni

Secondo le previsioni il segmento degli smartphone premium continuerà a crescere a due cifre. Offrendo funzionalità aggiuntive come AI , tripla telecamera, display a schermo intero e configurazioni di memoria più elevate, gli OEM di smartphone stanno aumentando il prezzo medio di vendita dei dispositivi e questo porterà con il tempo ad assottigliare il gap creato da Apple nel segmento premium. Il prossimo ciclo di crescita nel segmento premium sarà guidato dall’emergere di smartphone 5G, dando ai produttori cinesi l’opportunità di entrare in nuove aree geografiche in cui il 5G sarà presto reso disponibile.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Counterpoint Research