In realtà è solo una voce ma nel mondo della telefonia tutti sanno che ci sono rumors e rumors. Quando, ad esempio, a mettere in giro una notizia è Evan Blass, il pettegolezzo cambia di segno e da dicerìa passa a news quasi certa.
Pur restando sul piano della non ufficialità, quindi, non possiamo ignorare il tweet di Blass in cui si lamenta dello slittamento della data di lancio e "sgrida" HTC invitandola ad uscire con questo smartphone prima che i consumatori si rendano conto che di questo prodotto non ne hanno realmente bisogno.

Il leaker e il suo tweet
Il leaker e il suo tweet

Ammesso e non concesso che quanto dice @evleaks abbia una qualche corrispondenza con la realtà, il fatto che HTC stia ritardando la cosa è difficilmente dimostrabile visto che non ci sono indicazioni ufficiali a riguardo.
Ma di una cosa Blass ha ragione, a prescindere da come si evolverà questa vicenda: sugli indossabili il giudizio dei consumatori è discordante. Non è detto, quindi, non possa arrivare il momento in cui il mercato dirà che dei weareable non ce ne sia tutto questo bisogno, che se ne possa fare tranquillamente a meno e vivere lo stesso.