Ascoltare musica ad alto volume per un periodo prolungato di tempo utilizzando apparecchi musicali portatili può causare lesioni permanenti dell’udito come indica un parere del Comitato scientifico dei rischi sanitari emergenti e recentemente identificati (CSRSERI) dell'UE.

Da questo parere scientifico emerge che il 5-10% di coloro che, per un periodo di almeno 5 anni, ascoltano musica con apparecchi musicali portatili settimanalmente per più di un'ora al giorno tenendo l'apparecchio ad alto volume rischiano una perdita permanente di capacità uditiva.
La Commissione europea aveva invitato il Comitato scientifico indipendente a esaminare la problematica considerato il grande uso di apparecchi musicali portatili e il grande aumento del numero di giovani esposti al rumore da essi originato.

Gli scienziati confermano che vi è motivo di preoccupazione e la Commissione europea esaminerà ora assieme agli Stati membri e alle parti interessate quali misure si potrebbero eventualmente adottare per meglio proteggere i bambini e gli adolescenti dall'esposizione al rumore proveniente da apparecchi musicali portatili e apparecchiature affini.

Meglena Kuneva, Commissario UE responsabile per i consumatori, ha affermato: "Mi preoccupa il fatto che un numero così grande di giovani che utilizzano con frequenza apparecchi musicali portatili e telefoni cellulari a livelli acustici elevati possano danneggiare inconsciamente il loro udito in modo irreparabile. Dai reperti scientifici emerge un rischio chiaro e dobbiamo reagire rapidamente. Ciò che più conta, dobbiamo sensibilizzare i consumatori e rendere queste informazioni di dominio pubblico. Dobbiamo riesaminare inoltre i sistemi di controllo esistenti, alla luce di questo parere scientifico, per far sì che essi siano pienamente efficaci e tengano il passo con la nuova tecnologia".