La Commissione infrastrutture e reti dell’Autorità
delle Comunicazioni ha iniziato ieri a prendere in esame alcuni aspetti della
number portability per i telefoni cellulari, l’importante provvedimento atteso
per il prossimo luglio, che permetterà agli utenti di cambiare compagnia
di telefonia mobile mantenendo il proprio numero di telefono.

Affinchè la number portability possa produrre
gli effetti sperati, ovvero portare maggiore concorrenza al settore, gli esperti
dell’ Authority fanno osservare che il passaggio da un gestore all’altro dovrà
avvenire in tempi brevissimi, cioè nel giro di un paio d’ore. In paesi
come Hong Kong, dove per cambiare gestore servono fino a quattro settimane,
sono pochissimi gli utenti che decidono di passare ad un’altra compagnia.

Un altro importante aspetto della number portability
sarà la possibilità di ascoltare una registrazione tutte le volte
che si chiama un telefonino che ha cambiato gestore, in modo da conoscere l’attuale
azienda telefonica scelta dall’utente e per non credere di aver chiamato un
abbonato di Telecom Italia Mobile (solo perchè il prefisso inizia per
0335), quando in realtà l’utente è passato a Omnitel, Wind o Blu.

Solo in questa maniera si garantirà la trasparenza
degli addebiti: molti piani telefonici prevedono infatti tariffe particolarmente
vantaggiose solo per le chiamate dirette a telefoni dello stesso gestore, penalizzando
quelle dirette ai telefonini della concorrenza.