A dispetto dei proclami degli operatori
mobili e delle assicurazioni dei costruttori, quasi nessuna casa ha presentato
terminali UMTS funzionanti in occasione del CeBIT
2002
. Anzi, eccetto Motorola, nessuno dei grandi costruttori ha mostrato
alcunché. La situazione fa storcere il naso ai gestori, che restano comunque,
ancorati alle proprie previsioni per il lancio commerciale dell’UMTS.

Particolare attenzione, ovviamente,
al mercato che ospita la rassegna di Hannover, quello tedesco, dove il gigante
T-Mobile annuncia di aver quasi completato la copertura di 20 città tedesche
con la propria rete 3G, che verrà lanciata commercialmente entro la fine dell’anno.
D2-Vodafone, invece, ha seccamente smentito voci riguardanti un possibile ritardo
dell’avvio commerciale dell’UMTS, confermando che entro questo autunno lancerà
il servizio. E-Plus, terzo operatore teutonico, si appresta a lanciare il suo
servizio i-Mode su reti GPRS, in attesa che vi siano più terminali UMTS, il
cui lancio commerciale è previsto solo nel 2003. D’altro canto i dirigenti di
KPN Mobile, che controlla E-Plus, si attendono dai 400 mila ai 600 mila abbonati
i-Mode entro un anno, due terzi dei quali non provenienti dagli oltre 7.5 milioni
di attuali clienti E-Plus.

Il quarto operatore tedesco, Viag
Interkom, invece, posticiperà il lancio della propria rete UMTS all’estate del
2003, per sfr