M

anca poco alla chiusura del secondo trimestre 2016 ma già c’è chi parla di una grande performance da parte di Samsung. La casa sudcoreana, che deve guardarsi dalla concorrenza di tutti (dalla mastodontica Apple contro la quale corre per primeggiare nel settore "premium", alle piccole aziende cinesi che vendono cara la pelle nel settore più abbordabile grazie a smartphone sempre più competitivi a prezzi molto contenuti) nel primo trimestre dell'anno Samsung ha giovato del lancio dei flagship Galaxy S7 e S7 edge, dispositivi così popolari che dovrebbero tirare la volata per una chiusura di primo semestre col botto: secondo le previsioni le divisioni IT e Mobile della maison sudcoreana dovrebbero portare nelle casse della società 4,3 trilioni di won (pari a 3,24 miliardi di euro).

Il processore della casa
Il processore della casa

Samsung primeggia grazie alla diversificazione del suo business: l'attività della società sudcoreana, infatti, non si limita solo al mercato degli smartphone ma anche i processori (come Exynos) o i moduli di memoria forniscono a Samsung alti margini.
Secondo gli analisti, solo nel segmento DRAM il divario tra Samsung e i rivali si è allargato nell'ultimo periodo del 20%.
I giornali coreani sono più che ottimisti: secondo gli ultimi report, Samsung potrebbe chiudere il secondo trimestre dell'anno portando a oltre 8 trilioni di won (2,2 miliardi di euro) gli utili che, secondo precedenti stime, si pensava si sarebbero dovuti fermare a 5,9 trilioni (€4,4 miliardi).