In uno scenario economico globale poco confortante, il mercato degli smartphone è uno dei pochi in grado di registrare un trend positivo, con incrementi nelle spedizioni e nelle vendite di prodotti trimestre dopo trimestre.

È questo, in sostanza, il risultato di un’indagine condotta dalla società di ricerca di mercato TrendForce, secondo cui le spedizioni di smartphone hanno raggiunto la cifra record di 266.9 milioni di unità nel primo trimestre 2014, in aumento dell’1.13% rispetto al trimestre precedente.

La situazione relativa al Q1 è dovuta essenzialmente ai mercati emergenti ed alla Cina”, spiega Avril Wu, Assistant Vice President di TrendForce. “L’incremento della produzione di smartphone 4G in Cina è stata la chiave di una crescita che nel Q1 è andata al di là delle aspettative”.

Per quanto concerne il secondo trimestre, ci si attende un’ulteriore crescita del 6.7% (il 13.76% nella sola Cina) rispetto al quarto precedente, portando a 284.5 milioni le unità di smartphone spedite in tutto il mondo.

Il leader indiscusso del mercato è attualmente Samsung Electronics, capace di detenere nel Q1 2014 il 34.9% di market share, in aumento del +3.1% rispetto all’ultimo trimestre 2013 grazie non tanto ai device top di gamma, quanto ai modelli di fascia medio-bassa che sono in grado di contribuire alla crescita ben più dei modelli più costosi, specialmente nei Paesi emergenti.

Apple, attualmente posizionata al secondo posto con il 13.6% della quota di mercato, sta registrando una contrazione (-5.8% rispetto al Q3 2013) a causa di una forte riduzione delle unità spedite: secondo TrendForce, tale trend proseguirà anche nel Q2 2014, ma la situazione si ribalterà nell’ultimo trimestre dell’anno grazie all’immissione sul mercato della nuova generazione di iPhone.

L’azienda californiana dovrà però guardarsi alle spalle, poiché le nuove potenze asiatiche Huawei Device, Lenovo (pre-Motorola) e Xiaomi hanno registrato nel primo trimestre 2014 crescite record superiori al 20%.

TrendForce

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum