Fra le diverse startup che fanno parte dell’incubatore di C-Labs di Samsung, spicca SunnyFive, innovativa azienda che ha realizzato una finestra artificiale comprendente tutti i vantaggi tipici della luce solare naturale.

Samsung: una finestra realizzata da SunnyFive

La finestra realizzata dalla SunnyFive sembra avere un funzionamento molto simile a quello delle lampade per la fototerapia commercializzate ai malati che soffrono di disturbo affettivo stagionale (DAU). Il prodotto emette l’intero spettro di frequenze della luce naturale e può essere anche programmato al fine di imitare tutti gli effetti di luce tipici di una finestra reale. 

Anche l’angolo della luce stessa cambierà nell’arco della giornata, così da avere le diverse fasi del giorno simulate a proprio piacimento (alba, tramonto, luce diurna, etc). Attraverso un’app si potrà regolare sia la temperatura colore che la luminosità stessa, programmando anche la simpatica feature della “sveglia”. Secondo il produttore sudcoreano il prodotto “aiuta gli utenti a sintetizzare la vitamina D mentre si trovano all’interno o in luoghi scarsamente illuminati senza doversi preoccupare della pelle invecchiamento o scottature solari ”.

La finestra di SunnyFive si integrerà alla perfezione con l’ecosistema di prodotti pensati per la smart home dell’azienda, SmartThings. Sebbene non si tratti della prima finestra artificiale proposta sul mercato, l’idea di SunnyFive risulta essere molto allettante, soprattutto in un periodo in cui milioni di persone sono costrette a rimanere chiuse in casa per contrastare la diffusione del contagio da CoVid-19. Per chiunque avesse un appartamento piccolo, angusto e scarsamente illuminato, la finta finestra potrebbe davvero fare la differenza nell’utilizzo quotidiano.

Ad oggi non ci sono ulteriori informazioni sulla finestra della startup; prezzi, date di lancio o siti web; nulla a sostegno del prodotto. Bisogna soltanto sperare che l’annuncio di Samsung possa portare ad un sostegno economico concreto alla startup al fine di vedere presto commercializzato il particolare prodotto.

C’è da dire che finora sono state davvero tante le proposte interessanti delle aziende della C-Labs, ma molte di queste non hanno mai visto la luce sul mercato. Attendiamo maggiori informazioni in merito da parte del colosso sudcoreano; giusto per curiosità, segnaliamo due nuove proposte fuoriuscite dall’incubo tore C-Labs, che includono un servizio di note di studio intelligenti e un digitalizzatore di testi.

Fonte:The verge