Con Exynos 2100, appena lanciato ufficialmente, Samsung fa sul serio. Si tratta del primo chip per smartphone di fascia alta che la compagnia produce con a bordo un modem 5G ed è pronto a far ricredere gli utenti a proposito di processori del colosso sud coreano. Si tratterà del SoC che animerà i Galaxy S21 che saranno venduti in determinati mercati, fra i quali il nostro.

Samsung Exynos 2100 ufficiale: ecco cosa offre

Un chip che sfrutta il processo produttivo a 5 nanometri e mette insieme un Cortex-X1 ad alte prestazioni, al quale se ne affiancano 3 A78 e altri 4 – ad alta efficienza energetica – di tipo A55. Un totale di 8 core, che dovrebbero garantite un ottimo equilibrio fra prestazioni e gestione dell’autonomia energetica.

La GPU è la Mali G-78, che dovrebbe garantire un aumento di prestazioni del 40% rispetto alle generazioni passate. Non manca una unità dedicata all’intelligenza artificiale (chip con 3 core), utile anche per il comparto fotografico.

E proprio a proposito di fotografie, il nuovo MCFP (Multi Camera and Frame Processor) riesce ad elaborare gli scatti di più sensori per ottenere una fotografia con zoom o grandangoli di elevata qualità.

Come anticipato, l’Exynos 2100 è il primo processore per smartphone top di gamma che Samsung produce con un modem 5G già integrato. Possiamo ormai dare per scontato che si tratterà del chip che animerà i nuovi Galaxy S21, in arrivo fra un paio di giorni. Si tratterà di quel processore che non farà sentire la mancanza di Snapdragon 888?