Sembrerebbe conclusa la controversia tra Research in Motion, produttrice dei Blackberry, e NTP.
Questa disputa vedeva NTP contestare a RIM l’utilizzo non autorizzato di alcuni brevetti per la tecnologia Blackberry.
Per alcune settimane era stato anche ipotizzato uno stop dei servizi di email push della società canadese negli Stati Uniti, fatto che aveva gettato nel panico migliaia di assidui utilizzatori di Blackberry, tra cui numerose istituzioni americane, come il Dipartimento della Giustizia.
Adesso le due società sembrano aver trovato un accordo, con il pagamento da parte di RIM di 612,5 milioni di dollari a NTP.