Huawei Band 6 è ufficiale da pochissimo, ma ho già avuto modo di provarlo per qualche giorno ormai e mi sono fatta un’idea di questo smart band. Eccolo nella mia recensione sintetica: ti racconto perché lo sceglierei e a chi non lo consiglierei.

Huawei Band 6: recensione sintetica

Uno smart band che, sotto alcuni punti di vista, mi ha convinto ancora di più di Huawei Watch Fit. Ecco perché:

  • bello, ben costruito e compatto: è più compatto di Watch Fit e sta bene a ogni polso; è costruito con ottimi materiali e non mi dà la sensazione che possa graffiarsi con poco, la sua forma lunga, stretta e squadrata a me piace molto, è super sfiziosa;
  • display: nonostante sia compatto, ha comunque un pannello da 1,47″ che è sufficientemente ampio per leggere tutto quello che serve senza sforzare la vista; si tratta di un AMOLED touch screen, perfettamente visibile in ogni condizione di luminosità;
  • autonomia energetica: la batteria dura tantissimo, ce l’ho su da una settimana e devo ancora ricaricarlo per la prima volta;
  • misurazione del battito e della saturazione dell’ossigeno nel sangue affidabili: tenendo conto che si tratta di stime, facendo dei raffronti con un paio di saturimetri che ho casa, ho avuto modo di constatare che sono perfettamente in linea; inoltre, come monitor della salute, posso definirlo efficace e completo: puoi anche tenere sotto controllo in modo efficace la qualità del riposo notturno (grazie all’algoritmo Truseen 4.0) e i livelli di stress;
  • ci sono parecchie modalità sportive supportate: io non sono una grande sportiva, ma ci sono ben 96 tipologie di workout supportate di cui 10 personalizzate; non manca il nuoto, possibile grazie alla resistenza all’immersione in acqua (attestata dalla certificazione 5ATM);
  • è super personalizzabile: ci sono parecchie watch face fra le quali scegliere, direttamente all’interno dell’applicazione, e per me la possibilità di personalizzare il dispositivo non è affatto un dettaglio;
  • Huawei Health non delude: l’applicazione per gestire i wearable del colosso cinese, disponibile per Android e iOS, continua a dimostrarsi un software completo ed equilibrato.

Quindi? Huawei Band 6 è lo smart band perfetto? No, c’è qualcosa che manca ed è il GPS. Un dettaglio che per me, poco sportiva e più attenta alla parte notifiche e salute, non conta molto. Tuttavia, per gli chi pratica la corsa o anche solo la camminata, il GPS è un requisito fondamentale. Che però manchi su questo dispositivo è assolutamente comprensibile, anche per differenziarlo da Watch Fit.

Per il resto, a questo dispositivo non ho nulla da recriminare e mi sento di promuoverlo. Nemmeno il prezzo. Infatti, il colosso cinese ha deciso di lanciare una vera e propria bomba nel settore degli smart band, proponendolo a 59€ proprio mentre arriva in commercio Xiaomi Mi Band 6 a un prezzo di 44,90€. Una cifra che per i fan del brand è difficile da digerire.

Al momento, puoi trovarlo anche in promo sul Huawei Store: comprandone uno a prezzo pieno, il secondo costa appena 29€. Diversamente, se te ne basta uno solo, puoi acquistarlo anche su Amazon.